atlantide

L’esistenza di Doggerland era già nota, ma solo come un’opzione per le compagnie petrolifere in cerca di combustibili fossili. Tuttavia, gli scienziati hanno ora trovato tracce della presenza di esseri umani nel Mare del Nord.

Atlantis è un’isola o un continente leggendario, la cui prima menzione è stata in alcune opere di Platone. In questi racconti, il filosofo greco spiega che, dopo un tentativo fallito di invadere Atene, Atlantide affondò nell’oceano. Alcuni storici credono che Platone sia stato ispirato da eventi veritieri per scrivere la sua storia e che, in effetti, esistesse Atlantide.

 

Il mito di Atlantide 

Non fu Atlantide che gli scienziati scoprirono, ma tracce di un’antica civiltà furono trovate nel Mare del Nord, situate tra il Regno Unito, la Danimarca e la Norvegia. In questo spazio è stata trovata una foresta fossile che può dimostrare la presenza di esseri umani mesolitici di 10 mila anni fa. “Siamo assolutamente certi che siamo molto vicini a trovare prove di presenza umana“, ha dichiarato Vincent Gaffney dell’Università di Bradford nel Regno Unito.

La spedizione non è unica, ma è stata la prima a dare la priorità alla scoperta della presenza umana nel centro del Mare del Nord. Gli archeologi stimano che Doggerland fosse quasi tre volte più grande del Portogallo. La teoria è che gli umani cacciatori e agricoltori si siano trasferiti lì a causa delle mutevoli stagioni. Con l’innalzamento del livello del mare, che alla fine inondò la regione, questi umani furono costretti a venire su un terreno più elevato. “Le zone migliori sono quelle umide, dove ci sono acqua, uccelli, pesci e crostacei“, ha detto Gaffney. Le tracce di torba trovate dagli scienziati dimostrano che si trattava di aree abbastanza umide.