batteri-mani

Quando eravamo piccoli, ci è stato detto che i microbi sono dappertutto e che quindi era necessario tenere le mani pulite lavandole con acqua e sapone ogni volta fosse stato necessario. Allo stesso modo, dovremmo usare gli antibiotici solo nel caso in cui un medico ce li prescriva, per impedire ai batteri di creare resistenza al farmaco e fare in modo che questo non abbia alcun effetto.

Tuttavia, alcuni microrganismi riescono a sopravvivere e un ospedale francese ne ha dato prova di recente. 

 

Batteri resistenti agli antibiotici

La Klebsiella pneumoniae, un batterio resistente agli antibiotici, causa la polmonite.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riferito che i batteri come l’Escherichia coli (ESBL-CE) la produzione di β-lattamasi a spettro espanso (ESBL-CE) e Klebsiella pneumoniae che produce ESBL (ESBL-KP) rappresentano una minaccia per la salute umana. Gli enzimi β-lattamasi a spettro esteso rendono questi batteri resistenti agli antibiotici.

Come molti sanno, questi batteri sono responsabili nel causare infezioni nel flusso sanguigno, nel tratto urinario e nel tratto respiratorio. Ma oltre a ciò, sono estremamente pericolosi a causa della loro capacità di sviluppare resistenza agli antibiotici.

La parte peggiore è che sono presenti negli ospedali di tutto il mondo. In realtà, sono già stati identificati come gli organismi patogeni che causano la maggior parte delle infezioni in ambito sanitario. Un nuovo studio ha dimostrato che queste specie di batteri resistenti agli antibiotici si sarebbero diffusi semplicemente attraverso il contatto umano in un ospedale in Francia.

 

Alcuni batteri si diffondono per semplice contatto umano

Audrey Duval, dell’Università Saint Quentin di Versailles e dell’Istituto Pasteur di Parigi, in Francia, e i suoi colleghi hanno distribuito sensori portatili dotati di etichette RFID (Radio Frequency Identification) a centinaia di pazienti e operatori sanitari dell’ospedale francese.

I sensori sono stati utilizzati per tracciare i modelli di contatto umano tra i pazienti per otto settimane. Durante questo periodo, hanno anche esaminato i pazienti per rilevare infezioni dovute a Escherichia coli e Klebsiella, che, come abbiamo detto, producono ESBL.

I risultati rivelano che il 90 percento della diffusione della polmonite dovuto a ESBL K avveniva per semplice contatto umano. Questa percentuale è stata ridotta al 60% quando si trattava di E. coli.

 

Lavare le mani!

I risultati evidenziano l’importanza di lavarsi le mani ed evitare il contatto fisico nelle strutture sanitarie. Questi risultati rivelano l’importanza di una corretta igiene delle mani, oltre a ridurre il contatto con questi quando trasmissione limite di polmonite ESBL K. Allo stesso tempo, è comunque necessario applicare misure supplementari di pulizia, quali la decontaminazione ambientale, nonché un uso più prudente degli antibiotici, per prevenire la diffusione di batteri.

I ricercatori hanno riconosciuto l’utilità di sensori portatili e il prendere in considerazione il fatto che possono essere applicati anche ad altre specie resistenti. “Combinando strumenti digitale di epidemiologia e diagnosi microbiologica rapida, si può entrare in una nuova era nel  comprendere e controllare il rischio di batteri nosocomiali con infezione multiresistente“. 

I pazienti e gli operatori sanitari negli ospedali e in altri centri sanitari sono facilmente vittime di batteri resistenti a diversi farmaci. Quindi, conoscere il modo in cui si diffondono è di vitale importanza per prevenire le malattie e sviluppare strategie di prevenzione efficaci.