Home News

Mappate enorme falde acquifere d’acqua dolce al largo degli Stati Uniti

Diversi studi hanno evidenziato nelle coste nord-orientali al largo degli Stati Uniti diverse falde acquifere immerse, di notevoli dimensioni.

falde-acquifere-cambiamento-climatico

In una nuova indagine sul sottofondo marino al largo della costa nord-orientale degli Stati Uniti, gli scienziati hanno fatto una scoperta sorprendente: diverse falde acquifere di acqua relativamente fresca intrappolate in sedimenti porosi che si trovano sotto l’oceano salato. Sembra essere la più grande tale formazione ancora trovata nel mondo.

La falda si estende dalla riva almeno dal Massachusetts al New Jersey, estendendosi più o meno continuamente a circa 50 miglia fino al bordo della piattaforma continentale. Se trovato in superficie, creerebbe un lago che copre circa 15.000 miglia quadrate. Lo studio suggerisce che tali falde acquifere si trovano probabilmente in molte altre coste in tutto il mondo e potrebbero fornire acqua di cui c’è disperatamente bisogno per le aree aride che sono attualmente in pericolo di esaurimento.

 

Scoperte diverse falde acquifere al largo degli Stati Uniti

I ricercatori hanno utilizzato misure innovative di onde elettromagnetiche per mappare l’acqua, che è rimasta invisibile ad altre tecnologie. “Sapevamo che c’era acqua fresca laggiù in luoghi isolati, ma non conoscevamo l’estensione o la geometria”, ha detto l’autore principale Chloe Gustafson, un dottorato di ricerca. candidato all’Osservatorio Terra Lamont-Doherty della Columbia University. “Potrebbe rivelarsi una risorsa importante in altre parti del mondo.” Lo studio appare questa settimana nella rivista Scientific Reports.

Le prime avvisaglie della falda si sono verificate negli anni ’70, quando le compagnie hanno interrato la linea di costa per il petrolio, ma a volte invece hanno colpito l’acqua dolce. I fori sono solo punture di spillo nel fondo marino, e gli scienziati hanno discusso se i depositi d’acqua fossero solo tasche isolate o qualcosa di più grande. A partire da circa 20 anni fa, il coautore dello studio Kerry Key, ora un geofisico di Lamont-Doherty, ha aiutato le compagnie petrolifere a sviluppare tecniche per utilizzare l’imaging elettromagnetico del sottofondo marino per cercare il petrolio. Più recentemente, Key ha deciso di verificare se una qualche forma della tecnologia potesse essere utilizzata anche per trovare depositi di acqua dolce. Nel 2015, lui e Rob L. Evans dell’istituzione oceanografica Woods Hole hanno trascorso 10 giorni sulla nave da ricerca Lamont-Doherty Marcus G. Langseth effettuando misurazioni al largo del New Jersey meridionale e sull’isola del Massachusetts Martha’s Vineyard, dove i fori sparsi avevano colpito fresco, sedimenti ricchi di acqua.

 


Mappate enorme falde acquifere d'acqua dolce al largo degli Stati Uniti