barriera-corallina

La natura è di solito uno spettacolo straordinario in cui tutti i suoi processi hanno una ragione per essere, per quanto misteriosi possano sembrare. Questo è il caso degli strani aloni di sabbia che si formano attorno alle barriere coralline e che possono essere osservati solo da distanze satellitari. Sebbene per anni fossero un mistero per la scienza, un recente studio ha scoperto la sua origine e quali condizioni condizionano la loro formazione.

Come se fosse un lavoro di giardinaggio, i pesci e gli invertebrati si nutrono delle alghe che crescono sugli scogli, lasciando l’area pulita e “potata”. Ripetendo questo processo lungo la distesa di queste barriere coralline, l’immagine ottenuta è quella di piccoli cerchi bianchi che assomigliano a quelli di una vista microscopica di un gruppo di cellule.

 

Gli aloni di sabbia indicano lo stato di salute dei coralli

Gli aloni di barriera possono essere un indicatore che l’ecosistema di quell’area è sano ed equilibrato. Secondo un gruppo di ricercatori, questi aloni di sabbia sono una finestra per comprendere quanto siano organizzate le interazioni tra le specie che esistono attorno alle caratteristiche dell’habitat per ristrutturarle.

Quando esegue questo tipo di attività di giardinaggio, la specie lascia una sorta di impronta nelle barriere che, osservata da altezze satellitari, permette di osservare i possibili cambiamenti negli ecosistemi in queste aree. Precisamente, in questo recente studio è menzionata un’indagine condotta nel 1973 nelle Isole Vergini in cui si è constatato che gli aloni sono scomparsi dopo la rimozione delle specie erbacee di ricci di mare, dimostrando che la loro presenza era assolutamente necessaria per il mantenimento di le barriere coralline.

Tuttavia, non solo gli erbivori sono la causa di questo fenomeno. Anche i loro predatori contribuiscono a queste tracce particolari quando cercano la loro preda. I pesci che si nutrono di invertebrati erbivori tendono ad allargare questi aloni quando li cercano nella sabbia.

 

Questa vista satellitare consente di pianificare la cura delle barriere coralline

Indagare i cambiamenti degli ecosistemi che rendono la vita nelle barriere coralline attraverso gli aloni di sabbia, consente di pianificare leggi per la pesca migliori per la protezione dei coralli. 

Un altro studio è stato commissionato per analizzare le tracce di questi aloni in diverse aree della Grande Barriera Corallina in Australia, alcuni dei quali in cui è consentita la pesca e altri sono protetti. I ricercatori hanno scoperto che, contrariamente a quello che pensavano, in zone con meno predatori gli aloni sarebbero stati più grandi mentre, nelle aree con più predatori, gli aloni sarebbero stati più piccoli – in entrambe le aree gli aloni si sono rivelati praticamente della stessa dimensione.

Tuttavia, la differenza è che le aree protette sono più inclini alla formazione di questi aloni, specialmente in quelle aree protette dove le specie predatorie avevano impiegato più tempo per riprendersi da un periodo di pesca. Ciò dimostra che gli aloni agiscono anche come indicatori che gli ecosistemi di queste barriere sono sane ed equilibrate, il che si riflette nelle aree in cui esistono sia prede che prede.

Infine, questa informazione potrebbe essere utile per la gestione delle zone di pesca in modo da non intaccare gli ecosistemi dei coralli e aiutarli a riprendersi.