Per la prima volta, una raffica di onde radio cosmiche è stata fatta risalire al suo punto di origine: in questo caso, una galassia a circa 3.600 milioni di anni luce dalla Terra. Queste esplosioni radio sono lampi della durata di millisecondi e quelle esplosioni veloci in se stesse non sono rare nello spazio. Ma scoprire da dove vengono è incredibilmente difficile.

Le persone amano credere che provengano da una civiltà extraterrestre avanzata e questa ipotesi non è stata completamente esclusa dai ricercatori di Breakthrough Listen, un programma di ricerca scientifica dedicato a trovare prove della vita intelligente nell’universo.

Gli astronomi sono stati in grado di individuare la fonte di uno scoppio radio rapido e ripetitivo nel 2017. Ma le raffiche di singole radio sono più difficili da identificare perché non si ripetono. Il singolo burst radio, chiamato FRB 180924, fu scoperto dal radiotelescopio Pathfinder, o ASKAP, nell’Australia occidentale.

Tre dei più grandi telescopi del mondo, Keck, Gemini South e il Very Large Telescope dell’Osservatorio Europeo Australe, sono stati in grado di visualizzare l’esplosione. “Questa è la svolta che si stava aspettando da quando gli astronomi hanno scoperto rapide esplosioni di onde radio“, ha detto Keith Bannister, autore principale dello studio e capo ingegnere di ricerca presso CSIRO, l’agenzia scientifica nazionale australiana.

Poiché le raffiche sono così brevi e difficili da rintracciare, il team di Bannister ha trovato un modo per congelare e archiviare i dati raccolti dall’array Pathfinder australiano a chilometri quadrati in una frazione di secondo dopo che il telescopio ha rilevato una raffica.

I dati di rilevamento sono stati utilizzati per creare una mappa che mostra il punto di origine. L’esplosione proveniva da una galassia delle nostre dimensioni, a 3.600 milioni di anni luce di distanza. È alla periferia di quella galassia. “Abbiamo identificato la galassia dell’esplosione e anche il suo punto esatto di inizio, 13.000 luce centro galattico in periferia galattici anni“, ha detto Adam Deller, autore dello studio e professore associato presso il Centro per l’Università di Tecnologia di Swinburne in Astrofisica e Supercalcolo.

 

Un segnale da lontano

Lo sfogo ripetitivo proveniva da una piccola galassia piena di stelle in formazione. L’unico focolaio è venuto da una galassia massiccia che ha bassi tassi di formazione stellare. “Questo suggerisce che si possono verificare raffiche radio veloci in una varietà di ambienti o che le esplosioni apparentemente uniche rilevate finora da ASKAP sono generate da un meccanismo diverso“, ha affermato Deller.

Naturalmente, il più grande mistero delle esplosioni radio veloci nello spazio dura: perché si verificano? Ma sapere da dove provengono è un passo da gigante nella giusta direzione per capirli. Le raffiche possono fungere da firma per decodificare lo spazio tra i sistemi stellari. “Questi focolai sono alterati dalla materia che trovano nello spazio“, ha detto Jean-Pierre Macquart, autore dello studio e professore associato presso l’Istituto Curtin di Radioastronomia, “ora che possiamo indicare da dove provengono, possiamo usarli per misurare la quantità di materia nello spazio intergalattico“.