Home News

Le scansioni cerebrali possono ora rilevare la “coscienza nascosta” nei pazienti in coma

Secondo un recente studio, le attuali scansioni cerebrali possono rivelare la coscienza nascosta che si trova nei pazienti in stato di coma.

Secondo una nuova ricerca, gli scienziati hanno rilevato la “coscienza nascosta” in pazienti che giacevano immobili e non responsivi dopo lesioni traumatiche al cervello. In un futuro non troppo lontano, la scoperta potrebbe finalmente dare alle famiglie strazianti e ai medici in conflitto una base per rendere impossibile la determinazione che un paziente non ritorni mai.

La linea tra la vita e la morte e la definizione di “cervello morto” ha fatto a pezzi le famiglie, scatenato cause legali e frenesia dei media e confuso persino i migliori neuroscienziati.

 

Scoperta la coscienza nascosta dei pazienti in coma

I ricercatori della Columbia University hanno utilizzato una scansione cerebrale EEG e un sistema informatico avanzato per ascoltare sottili cenni neurali alla vita, e quelli con bassi livelli di attività, piuttosto che nessuno, hanno proceduto a recuperi molto più completi.

La scoperta suggerisce che l’EEG specializzato un giorno possa aiutare i medici a determinare quando un paziente non responsivo ha una ripresa al recupero e quando la migliore linea di condotta della famiglia è di dire addio.

I ricercatori della Columbia hanno utilizzato una combinazione di un elettroencefalogramma (o elettroencefalogramma, che preleva attività elettrica nel cervello) e un programma di apprendimento automatico per valutare 104 pazienti.

Tutti i pazienti in terapia intensiva hanno recentemente subito un grave infortunio e sono rimasti incoscienti e insensibili. Dal punto di vista medico, la coscienza ha diversi livelli, con la mancanza di risposta efficace a zero. Per verificare se questo livello di coscienza di base è presente, i medici controlleranno se un paziente reagisce a qualsiasi segnale uditivo, visivo, tattile o doloroso. Un paziente subirà anche un test dell’attività cerebrale del cervello, che verifica se combatteranno o meno per respirare.

I test sono approfonditi, ma possono ancora essere traumatici e poco chiari per le famiglie che guardano la persona amata non come una serie di punti di dati clinici, ma come una persona, che sembra efficace e, fino a poco tempo fa, aveva ricordi, personalità e relazioni.

Ma ci può essere un lungo periodo di preparazione per questo test, e rimane molta incertezza su quanta parte dell’attività cerebrale di un paziente riesca a catturare.

“Uno dei problemi più difficili in terapia intensiva consiste nel prevedere il recupero, e non solo la sopravvivenza, per i pazienti che sono incoscienti dopo una lesione cerebrale,” ha affermato il dottor Jan Claassen, professore associato di neurologia alla Columbia University e autore principale dello studio.


Le scansioni cerebrali possono ora rilevare la "coscienza nascosta" nei pazienti in coma