druidi

Gli archeologi stanno riportando alla luce un tumulo di 4000 anni su un’isola britannica particolarmente legata al mitico ordine di preti magici conosciuti come “Druidi“. Anche se il tumulo è molto più antico dei Druidi stessi, gli scavi hanno gettato nuova luce sugli antichi abitanti dell’isola di Anglesey.

 

Il tumulo era forse un luogo cerimoniale utilizzato dai Druidi

Affacciata sul Mare d’Irlanda dall’angolo nord-occidentale del Galles, Anglesey è costellata da numerosi monumenti in pietra risalenti all’età del bronzo. Il più famoso è la tomba di Bryn Celli Ddu (che in gallese sta per “tumulo nel boschetto scuro“). Fu scoperta nel 1928 e nel 1929 fu ricostruita. Gli archeologi hanno concentrato la loro attenzione su un tumulo a circa 50 metri dalla famosa tomba, nell’attesa che le tecniche scientifiche attuali rivelino nuovi dettagli su chi possa averlo costruito.

druidi

L’archeologo dell’Università di Cardiff Ffion Reynolds ha condotto scavi a Bryn Celli Ddu negli ultimi quattro anni e il suo team completerà gli scavi nel sito all’inizio di luglio. Reynolds, che lavora anche per l’agenzia per la cultura gallese Cadw, ha dichiarato che gli scavi del tumulo erano ormai quasi completi e che test scientifici ora avrebbero aiutato a determinare la presenza di eventuali resti umani.

 

Resoconti sulla tomba pervengono anche da Giulio Cesare e Tacito

Gli scavi hanno inoltre dimostrato che il tumulo fu costruito durante l’età del bronzo, molto più tardi della tomba neolitica originale, mentre alcuni artefatti potrebbero essere anche più antichi della tomba stessa. “Questo suggerisce che Bryn Celli Ddu è stato un luogo cerimoniale per migliaia di anni“, sostiene Reynolds. Anglesey è oggi famosa per i suoi presunti collegamenti con i Druidi, che furono descritti dal generale romano Giulio Cesare e dal successivo storico romano Cornelio Tacito.

Sebbene nessuna prova archeologica dei Druidi sia mai stata trovata, generazioni di scrittori li hanno ritratti come leader religiosi dei Celti, popolo dell’Età del Bronzo che si diffuse in tutta Europa. Secondo Tacito, i druidi parteciparono all’invasione romana di Anglesey, che descrisse come un centro di resistenza celtica alle invasioni romane della Britannia. Tacito notò la sorpresa dei soldati romani quando videro Druidi tra i difensori militari dell’isola, urlando maledizioni agli invasori.

 

Ad oggi non si hanno prove concrete dell’effettiva presenza di questi misteriosi sacerdoti nell’antichità

Il mito di un legame tra i misteriosi Druidi e Anglesey ha preso piede da quella singola menzione, ha detto lo storico dell’Università di Bristol Ronald Hutton, autore di “Blood and Mistletoe: La storia dei druidi in Gran Bretagna“. Sebbene i difensori inglesi di Anglesey siano stati sconfitti, la descrizione dei Druidi di Tacito è stata ripresa da scrittori successivi, che hanno forse travisato il suo resoconto e hanno trasformato l’isola di Anglesey in un fantomatico “centro di potere druidico“, ha dichiarato Hutton.

druidi

In realtà, ad oggi non ci sono prove della effettiva presenza di Druidi ad Anglesey, o in qualsiasi altro posto in Gran Bretagna, continua Hutton. “La causa di queste teorie, anche abbastanza claudicanti, potrebbe essere dovuta alle dichiarazioni di qualche testimone oculare o inventate di sana pianta da Tacito stesso per rendere più intrigante il suo resoconto dell’attacco ad Anglesey“, ha detto Hutton. “Ma per ora non abbiamo prove che ci consentono di formulare una teoria compiuta“.