android

All’inizio di quest’anno, Google ha rivelato che la sua prossima versione del sistema operativo mobile, Android Q, potrebbe perdere il supporto per Android Beam, la funzione più vicina ad AirDrop di Apple. Android Beam utilizza la tecnologia NFC del dispositivo per condividere file con altri dispositivi posizionandoli uno di fronte all’altro, mentre AirDrop di Apple utilizza una combinazione di Wi-Fi e Bluetooth per condividerli tra dispositivi iOS e macOS.

 

Android Q e il controverso rapporto con Android Beam

Il portale 9to5Google.com, tuttavia, ha scoperto l’intenzione di Google di sostituire Android Beam ed è riuscito a farlo funzionare su un dispositivo su cui è in esecuzione la beta di Android Q. Si chiama Fast Share e sembra essere paragonabile a AirDrop in quanto utilizza il Bluetooth per stabilire un collegamento tra i dispositivi prima di utilizzare una connessione Wi-Fi diretta per trasferire effettivamente i file.

android

In particolare, Fast Share consentirà agli utenti di condividere immagini, URL, snippet di testo e altri file e verrà visualizzato come opzione nel normale menucondividi” insieme ad altri social media e applicazioni di messaggistica. Una volta attivato dalle impostazioni e connesso al dispositivo, è solo questione di attivare il Bluetooth e i vari servizi di localizzazione, quindi scegliere il dispositivo appropriato su cui eseguire la condivisione veloce.

 

Il futuro si chiama “Fast Share”

Nelle schermate di istruzioni fornite da Google come introduzione alla funzione, vengono mostrati un Chromebook, un Pixel 3, uno smartwatch e persino un iPhone elencati sotto i dispositivi compatibili, il che presumibilmente significa che saremo in grado di condividere file su piattaforme diverse. Una volta che il mittente ha selezionato un dispositivo a cui inviare i file, il destinatario sarà in grado di vedere il nome del proprio dispositivo e un ID di connessione per la verifica, a quel punto potrà accettare o rifiutare il trasferimento.

android

Per i dispositivi con cui si interagisce più spesso, è possibile dare “visibilità privilegiata“, che consente loro di vedere sempre il nostro dispositivo quando siamo nelle vicinanze, anche se non si sta utilizzando Fast Share. Considerando che Google non ha fatto annunci ufficiali relativi a Fast Share, non si ha ancora alcuna informazione certa su quando sarà disponibile, ma dato che la prossima versione del sistema operativo principale perderà Android Beam, è probabile che vedremo Fast Share arrivare su Android Q quando questo diventerà disponibile al pubblico questo agosto.