peso

L’aumento di peso, specialmente intorno alla parte centrale del corpo, è qualcosa che molti affrontano nonostante gli sforzi per perdere peso e mangiare più sano. Può essere frustrante, soprattutto perché è noto che il grasso della zona addominale è particolarmente dannoso per la nostra salute. Ora, un nuovo studio pubblicato sull’European Heart Journal, ha mostrato che il punto in cui il grasso si accumula può dare indizi sull’incidenza di malattie cardiovascolari.

peso

Lo studio, che ha seguito oltre 2.500 donne in postmenopausa per quasi 20 anni, ha dimostrato che né la percentuale di grasso corporeo né la massa grassa sarebbero collegati ad un aumento del rischio di malattie cardiache. Ciò che hanno trovato, tuttavia, era che le donne dello studio che avevano le percentuali più elevate di grasso intorno alla vita e meno grasso sulle gambe avevano un rischio tre volte maggiore di sviluppare malattie cardiovascolari rispetto alle donne che avevano più grasso alle gambe e meno intorno alla vita.

 

Non solo una questione di peso, il punto in cui si accumula il grasso può dirci molto

A queste particolarità è dovuto l’appellativo di “forma a pera” o “forma a mela” del corpo umano. Questo studio conferma l’idea che una forma a pera, quando si porta il peso su cosce e fianchi, sia più sana di una forma di mela, caratterizzata da un accumulo di peso nella zona della pancia. Infatti, i ricercatori hanno scoperto che le donne che avevano più massa grassa alle gambe avevano il 32% in meno di probabilità di contrarre malattie cardiovascolari rispetto a quelle con meno grasso accumulato.

peso

Cosa possiamo imparare da questo? Mentre uno dei migliori passi per proteggere la nostra salute cardiovascolare a lungo termine è mantenere il peso forma, questo studio dimostra che c’è di più. Proprio come abbiamo imparato che perdere peso è più complicato che perdere semplicemente calorie, stiamo imparando che prevenire le cardiopatie significa molto di più che mantenere un peso sano.