rocce-plastica

In diverse occasioni abbiamo parlato della contaminazione da plastica sul nostro pianeta. Sappiamo già che nell’Oceano Indiano ci sono isole piene di plastica, che non si accumulano solo sulla superficie del mare, ma anche nella profondità degli oceani. Queste, inoltre, non solo inquinano l’acqua, ma anche l’aria e il cibo che consumiamo poiché contengono particelle microscopiche che penetrano ogni giorno nel nostro corpo.

In effetti, recentemente è stato reso noto che gran parte della plastica che i Paesi sviluppati, come gli Stati Uniti, separano per il ricicld “attecchireo, in realtà non viene riutilizzata. Viene esportata in Paesi come il Vietnam, la Malesia e la Cambogia, saturi di rifiuti che si accumulano semplicemente nelle città vicine ai porti.

Ma ora questo materiale è riuscito ad “attecchire” in altri luoghi mai visti prima, come le rocce della costa di un’isola vulcanica atlantica, formando croste visibili sulla sua superficie.

 

Una polvere di polietilene copre le rocce 

Nel 2016, un team di ricercatori del Centro per le scienze marine e ambientali, in Portogallo, ha iniziato a monitorare l’accumulo di plastica sull’isola di Madeira e, dai dati raccolti, ha analizzato il loro impatto sulla località. Ignacio Gestoso, un ecologista marino, fu il primo ad osservare una specie di “polvere di plastica” incastonata direttamente nelle rocce della costa.

L’anno successivo, ha scoperto che le croste erano ancora lì e, all’inizio del 2019, ha rilevato altri materiali simili che aderivano alle rocce come una vecchia gomma su un marciapiede. I team ha scoperto che la polvere si trovava anche in altre aree che appariva in diversi colori.

Fu allora che lui e il suo team decisero di approfondire l’indagine per scoprire l’origine di questa forma di contaminazione mai vista prima.

 

Rocce di plastica

I ricercatori hanno prelevato campioni casuali dalle aree rocciose della costa. Durante l’analisi chimica, si è scoperto che era il polietilene, una delle materie plastiche più comuni che viene spesso utilizzata in contenitori monouso e contenitori per alimenti.

Secondo Gestoso, questa plastica sotto forma di polvere era passata dall’essere solo un esiguo avvistamento nell’area al ricoprire quasi il 10% della superficie delle rocce in soli tre anni. Questo potrebbe essere stato causato dalla collisione di plastiche più grandi contro la costa rocciosa, riducendo gradualmente le sue dimensioni per formare questa polvere.

Le croste hanno probabilmente avuto origine dalla collisione di grossi pezzi di plastica contro la costa rocciosa, che ha provocato la formazione di crosta sulla roccia in modo simile a come fanno le alghe o i licheni“.

 

L’impatto della polvere di plastica sull’ecosistema

Come previsto, il problema ha iniziato a diffondersi. E questo rivestimento può rappresentare una seria minaccia per gli organismi che popolano e si nutrono delle rocce e devastano la catena alimentare.

Infatti, il team ha trovato prove che le lumache di mare (littorina littorea) dell’area, che si nutrono di alghe, sono state trovate sia sulla superficie con la plastica che sulla normale superficie delle rocce. Questo porta a pensare che non stanno solo mangiando alghe, ma anche plastica.

Come ricercatore in ecologia marina, preferirei riportare altri tipi di risultati e non un articolo che descriva questa nuova e triste forma di inquinamento plastico. Sfortunatamente, l’entità del problema è così grande che pochi luoghi sono privi di inquinamento plastico“. Come sottolinea Gestoso, questo è un atto vergognoso e deludente causato dalla produzione indiscriminata di questo tipo di materiale, e ancor più dalla cattiva gestione che diamo allo spreco.

In questo studio l’hanno chiamata polvere di plastica, ma sei anni fa un fenomeno simile è stato rilevato su un’isola alle Hawaii. In quel caso, i fuochi avevano sciolto la plastica che aveva finito per mescolare con la sabbia formando una sorta di “plastiagglomerato”. A differenza di Madeira, era formata dall’azione del fuoco anziché dall’acqua.

Si riferiscono anche a questa sostanza come ossido di plastica e, come si può vedere nelle immagini, aderisce in modo simile agli organismi naturali, come il limo o le alghe, alle rocce. Una perfetta allusione per noi per entrare nella consapevolezza di quanto questo materiale sia integrato nel nostro ambiente.