tumori-spugne-marine

Gli scienziati di Harvard hanno scoperto nei poriferi una classe complessa di promettenti molecole nella lotta contro il cancro, meglio note anche come spugne marine. Le halicondrine sono una classe di molecole con un grande potenziale nella lotta contro il cancro e sono già state testate nei trattamenti per topi. 

Dopo aver organizzato un nuovo modo di sintetizzare le molecole, ora il team si concentra sulla possibilità di analizzare la loro attività biologica, le loro proprietà farmacologiche e la loro efficacia.

Progressi significativi sono stati fatti con questa classe di molecole in Giappone e le sperimentazioni cliniche negli Stati Uniti dovrebbero iniziare entro i prossimi anni. “Abbiamo trascorso decenni nella ricerca di base e fatto enormi progressi“, ha detto Yoshito Kishi, uno scienziato responsabile dello studio.

 

Lo studio sulle spugne di mare

Takashi Owa, un altro degli scienziati responsabili dello studio, afferma che “quando il prodotto naturale è stato identificato per la prima volta 33 anni fa dai ricercatori giapponesi, ha suscitato un interesse immediato“. A quel punto, gli scienziati avevano realizzato il potenziale delle halicondrine. “A causa della struttura unica del prodotto naturale, molte persone erano interessate al loro modo di agire, e i ricercatori hanno voluto intraprendere uno studio clinico, ma la mancanza di rifornimenti di farmaci ha impedito loro di farlo. Quindi, sono passati 30 anni, sfortunatamente, ma il Prof. Kishi è un pioniere in questo campo” , ha detto Owa.

Con un avanzamento senza precedenti, gli scienziati sono stati in grado di sintetizzare completamente la molecola, permettendole di avanzare verso studi clinici, come era stato desiderato per diversi anni.

Lo studio pubblicato questo mese nella rivista Scientific Reports mostra il comportamento della molecola e come può ridurre i fibroblasti, che possono essere coinvolti nella trasformazione da tumore in neoplasia.

L’esperienza di Kishi ci ha offerto un’opportunità unica ed entusiasmante per testare la molecola nei nostri sistemi. Mai prima d’ora ho visto questo tipo di collaborazione così efficiente, veloce e di successo. Con soli tre anni di collaborazione, ci si è spostati da una fase di scoperta per lo sviluppo clinico di una molecola così complessa con un meccanismo e un modo molto particolare di azione“.