Iceberg-a68

Il 12 luglio 2017, un’enorme porzione di ghiaccio si è staccata dalla piattaforma Larsen C in Antartide e ha iniziato a spostarsi gradualmente. Questo pezzo di ghiaccio errante è noto come A68, il più grande iceberg del mondo, titolo che gli è stato attribuito a causa dell’oltre 1 miliardo di tonnellate che lo contraddistinguono.

Sono trascorsi esattamente due anni dall’evento e, da allora, la struttura è stata perennemente alla deriva, allontanandosi dalla sua piattaforma di ghiaccio nativa, e si trova attualmente a circa 250 chilometri dal suo luogo di origine.

 

Un iceberg alla deriva 

Adrian Luckman, un glaciologo e professore alla Swansea University nel Regno Unito che lo ha seguito, ha pubblicato un video girato negli ultimi 18 mesi dai satelliti Sentinel-1 dell’Agenzia spaziale europea in cui si osserva l’iceberg si muoversi. Per Luckman, questa è una mobilità impressionante e, oltre ad essere il più grande iceberg del mondo, è probabile che diventi anche il più grande oggetto in movimento libero.

Con una lunghezza di 160 km e uno spessore di un paio di centinaia di metri, le proporzioni dell’iceberg A68 sono più simili a una carta di credito che a un iceberg come lo abbiamo sempre immaginato. La cosa più sorprendente è che è ancora della stessa forma che aveva quando si fermò due anni fa”.

Come indica Luckman sul suo sito web, l’iceberg non è stato ancora influenzato dai cambiamenti climatici o da qualsiasi altro fenomeno naturale e la sua forma è stata mantenuta sin dalla sua “nascita”.

Altri iceberg di dimensioni simili tendono a vagare e allontanarsi dal loro punto di origine prima di toccare un’altra terra e, durante il loro viaggio, sono generalmente divisi in pezzi sempre più piccoli. Invece, altri si spostano a nord e finiscono per sciogliersi in Sud America. 

Secondo le più recenti ipotesi, l’iceberg A68 sta facendo piroette in un torrente chiamato Weddell Gyre, per poi gettarsi nel mare di Weddell in Antartide. Ma sembra che, seguendo questo percorso, questo giovane gigante congelato si stia avvicinando sempre di più all’attrazione dell’Oceano Atlantico meridionale, dove troverà climi molto più caldi che potrebbero influenzarne la forma.

Molti iceberg che attraversano questa zona finiscono vicino all’isola della Georgia del Sud, situata a 1.600 chilometri a nord dell’Antartide. Al momento, il suo peregrinare sembra tranquillo e senza problemi e la sua destinazione sarà determinata dagli eventi che si verificano nell’Oceano Atlantico.