ala-cambia-forma-nasa-mit

Le ali utilizzate dagli attuali aerei sono fisse, tuttavia includono parti mobili che vengono regolate in base alle condizioni di viaggio. Ora, i ricercatori della NASA e del Massachusetts Institute of Technology (MIT) hanno sviluppato un nuovo tipo di ala che ha la capacità di cambiare forma e deformarsi per adattarsi a qualsiasi situazione, che si tratti di decollare, atterraggio o manovra.

Secondo una dichiarazione ufficiale del MIT, l’ala incorpora una nuova tecnica di assemblaggio ed è formata da una grande varietà di piccoli componenti che creano una struttura simile ad una rete. In questo modo, l’ala ha una maggiore resistenza e flessibilità. Il tessuto è formato da migliaia di montanti di forma triangolare, il che significa che l’ala è più vuota delle ali convenzionali dal punto di vista interno, come mostrato nell’immagine seguente.

 

Possibili implicazioni

Un tale sviluppo implica un possibile aumento dell’efficienza di volo, che ovviamente porterà notevoli risparmi a livello di carburante. Tuttavia, i ricercatori stanno ancora lavorando per rendere passivo il processo di “modifica della forma” dell’ala, ovvero, invece del pilota che adegua l’ala a qualsiasi situazione, l’aeromobile può rilevare le “condizioni di carico aerodinamico” per regolare automaticamente la forma dell’ala e ottenere efficienza continua durante il viaggio.

Per realizzare l’ala, i ricercatori hanno applicato una tecnica chiamata “stampaggio ad iniezione con resina di polietilene” e hanno utilizzato uno stampo 3D. Il sistema impiega quasi 17 secondi per generare un secchio pieno di montanti per formare l’ala, che secondo i ricercatori potrebbe trasformarlo in un sistema completamente automatizzato se riuscissero a formare un gruppo di mini robot autonomi di assemblaggio.

L’ala è già stata testata nella galleria del vento ad alta velocità della NASA a Langley. L’entusiasmo dei ricercatori per questa tecnologia risiede nel suo basso costo di produzione e nel suo aumento dell’efficienza durante il volo, il che significa che il modello può essere applicato a vari tipi di aeromobili, compreso il trasporto spaziale.