Alcune delle profezie che leggiamo sul web non possono far altro che farci pensare a quanto siano assolutamente calzanti con l’attuale stato delle cose, ma sono predizioni sulla fine del mondo, o su quanto stiamo ammalando ed infettando questo nostro Pianeta, con il nostro comportamento scellerato ed egoista? Forse dovremmo smettere di avvelenare la nostra terra e di bombardarla per colpirci a vicenda. A questo proposito, tra quelle cattoliche vi sono le profezie di Padre Pio. Le profezie del frate di Pietralcina sembrano infatti delle appropriate parole di monito verso un’umanità alla deriva, persa in se stessa e nel suo egocentrismo.

 

Le profezie di Padre Pio: catastrofi ed avvertimenti per l’uomo

Padre Pio, uno tra i beati più amati nel nostro Paese, avrebbe lasciato tra i suoi scritti delle profezie con messaggi premonitori che gli sarebbero stati confidati direttamente da Gesù. Una serie di queste profezie che Gesù avrebbe affidato al Santo di Pietralcina, affinché le diffondesse tra gli uomini, risulta essere particolarmente calzante e veritiera alla luce degli eventi catastrofici naturali di questi ultimi tempi, anche se ricordiamo che la Chiesa non si è ancora pronunciata sulla veridicità di queste premonizioni scaturite dalle trance mistiche di Padre Pio.

A farla da padrone infatti nelle profezie sono catastrofici eventi naturali, come terremoti devastanti, veleni, inondazioni ed anche un asteroide. Ma diamo un’occhiata ad alcune di queste profezie:

  • “Verranno cose tremende. Io non riesco più a intercedere per gli uomini. La pietà divina sta per finire. L’uomo era stato creato per amare la vita, ed è finito per distruggere la vita”.
  • “Il mondo sta andando verso la rovina. Gli uomini hanno abbandonato la giusta strada, per avventurarsi in viottoli che finiscono nel deserto della violenza. Se non ritorneranno subito ad abbeverarsi alla fonte dell’umiltà, della carità e dell’amore, sarà la catastrofe”.
  • “Quando il mondo è stato affidato all’uomo era un giardino. L’uomo lo ha trasformato in un rovaio pieno di veleni. Nulla serve ormai per purificare la casa dell’uomo. È necessaria un’opera profonda, che può venire solo dal cielo”.
  • La terra tremerà e il panico sarà grande. La terra è malata. Il terremoto sarà come un serpente: lo sentirete strisciare da tutte le parti. E molte pietre cadranno. E molti uomini periranno”.
  • “Scomparirà una terra, una grande terra. Un paese sarà cancellato per sempre dalle carte geografiche. E con lui verrà trascinata nel fango la storia, la ricchezza e gli uomini”.
  • “L’amore dell’uomo per l’uomo è diventato una vuota parola. Come potete pretendere che Gesù vi ami, se voi non sapete amare nemmeno quelli che mangiano alla stessa vostra tavola? Dall’ira di Dio non saranno risparmiati gli uomini di scienza, ma gli uomini di cuore”.

Ascoltando parole del genere non si può fare a meno di pensare che se la fine del Mondo è vicina, potrebbe essere per causa nostra. Per il modo in cui gli uomini trattano gli uomini e la Terra. Continuando così non arriveremo mai al catastrofico spegnimento del Sole.