Pensa al modo in cui i sussurri viaggiano nella cupola circolare della Cattedrale di St Paul a Londra e come il soffitto curvo del piano inferiore del Grand Central a New York può trasportare voci. Poi c’è il suono soddisfacente dei tacchi che camminano attraverso un corridoio deserto o il modo in cui il tuo bagno rende migliore il tuo canto. Questa “architettura uditiva” può avere un profondo effetto sul modo in cui vivi un edificio.
“L’architettura uditiva riguarda il modo in cui ascoltiamo gli edifici, il suono all’interno degli edifici e il modo in cui reagiamo ad essi”, afferma Trevor Cox, ingegnere acustico all’Università di Salford, a Manchester. Anche se principalmente ci muoviamo attraverso il mondo usando i nostri occhi, sembra che le nostre orecchie raccolgano costantemente informazioni dai nostri dintorni che inconsciamente alterano il modo in cui ci sentiamo riguardo a uno spazio.

 

Il suono dove viviamo cambia il nostro stato d’animo

Ora, è sempre più riconosciuto che gli edifici devono non solo essere progettati per essere funzionali ed esteticamente gradevoli, ma anche acusticamente soddisfacenti , portando alcuni architetti e ingegneri a ripensare il modo in cui gli spazi sono modellati e i materiali di cui sono fatti.

La ricerca scientifica suggerisce che sono saggi farlo. Il lavoro rumoroso e le impostazioni domestiche hanno dimostrato di infastidire le persone e il fastidio del rumore stesso è stato collegato alla depressione e all’ansia. Inoltre, è stato scoperto che i problemi di concentrazione sul posto di lavoro dovuti al rumore dell’ufficio e al rumore intermittente riducono significativamente le prestazioni umane.

Ma il modo in cui il suono interagisce con la struttura fisica di un edificio può anche modificare in modo significativo i nostri umori ed emozioni. Ad esempio, gli studi dimostrano che vivere in abitazioni affollate può causare una sensazione di impotenza. Le camere con soffitti più alti incoraggiano un pensiero più astratto mentre le persone si sentono più libere in spazi così ariosi. Considera l’impatto emotivo di una struttura come la Basilica di Santa Sofia, la famosa ex cattedrale e moschea di Istanbul, che oggi ospita un museo. Costruito quasi 1.500 anni fa, i suoi interni a cupola e i pavimenti e le pareti in marmo possono elevare i canti umani in suoni eterei che sembrano emanare dalle profondità dell’oceano e creare un senso di esaltazione nell’ascoltatore.

Se l’acustica dello spazio sintonizzata per amplificare un solo tono può influenzarci così profondamente, quale effetto potrebbe avere una stanza che amplifica molti sulla nostra coscienza? Shea Michael Trahan, architetto di Trapolin-Peer, sta usando i cymatics, il modo in cui vibrano le superfici, e la tecnologia di stampa tridimensionale per rispondere a questa domanda. Sta creando strutture 3D che spera possano essere ridimensionate in modo che tu possa essere in grado di entrare e cantare un appartamento B o un maggiore C per far risuonare l’edificio o “cantare” indietro.

“Quello che sto cercando è creare spazi che isolino un singolo tono molto simile al Matrimandir, una cupola geodetica dorata usata come spazio di meditazione, focalizza un singolo raggio di luce”, afferma Trahan. “L’iper-riverbero è in realtà il dono dell’architetto di nuovo all’osservatore in quanto utilizza il loro suono e lo estende il più possibile per intensificare o intensificare l’esperienza.”

C’è la possibilità che ciò possa avere un uso che va oltre la creazione di spazi in cui è piacevole trascorrere del tempo. Queste strutture sonicamente interattive potrebbero funzionare come stanze di terapia sonora immersiva per terapie sonore esistenti per PTSD, depressione e morbo di Parkinson. I cantanti potrebbero persino usarli per accordare le loro voci per colpire i toni con precisione. (Leggi come il rumore dell’ospedale può minare la sicurezza del paziente)

Susan Magsamen, direttore esecutivo dell’International Arts and Mind Lab presso la Johns Hopkins University di Baltimora, sta prendendo parte a un progetto multidisciplinare che mira a creare un tipo completamente nuovo di spazio di guarigione per i bambini che si svegliano da traumi cranici. Previsto per essere costruito entro la fine dell’anno, la “stanza di cura sensoriale” del Kennedy Krieger Children’s Hospital personalizzerà i suoni, come la voce di una madre o una canzone, gli odori preferiti, la temperatura e la luce per il singolo bambino, in una stanza che sembra un bozzolo , per aiutare i bambini a svegliarsi più velocemente e meglio.