infezioni

Ogni estate, ci sono notizie spaventose su persone che contraggono infezioni e che, purtroppo, talvolta muoiono anche a causa di germi presenti nell’acqua. Conoscere quali siano gli organismi in questione e le conseguenze che un contatto con loro possono derivare è quindi importante, per quanto rare siano queste sventurate interazioni.

infezioni

In primo luogo, esiste un’ameba in grado di entrare nel nostro corpo attraverso il naso che è in grado di distruggere il tessuto cerebrale. Si chiama “Naegleria fowleri” e vive normalmente in acque calde, nutrendosi di batteri. Non è pericoloso se il contatto si limita alla pelle e nemmeno se questo viene ingoiato, ma l’infezione può avere luogo solo se l’acqua in cui questo ameba vive viene inalata.

 

Tra amebe mangia-cervello e batteri d’acqua salata, le infezioni possono essere molto pericolose

C’è da dire che l’infezione è molto rara, per quanto spaventosa possa essere, perché quando una persona mostra i primi sintomi, di solito la condizione clinica è già molto grave. Non esiste alcun farmaco in grado di agire efficacemente contro quest’infezione, anche se sono in corso degli studi con lo scopo di trovare rimedi a questa terribile situazione. La buona notizia è che questo ameba è estremamente raro, così raro che ogni volta che qualcuno muore a causa sua, la notizia fa il giro del mondo: sono stati segnalati solo 145 casi tra il 1962 e il 2018.

Un’altra specie di batteri particolarmente insidiosi per la nostra salute sono i batteriVibrio“, che vivono prevalentemente nelle acque oceaniche, quindi in acqua salata. In genere causano una condizione assimilabile all’intossicazione alimentare (facilmente contraibile col consumo di crostacei crudi, come le ostriche), ma possono anche infettare la pelle se si entra in contatto con essi in presenza di una ferita aperta. Le infezioni da Vibrio possono essere molto pericolose perchè la situazione del paziente può aggravarsi in maniera molto rapida e possono portare anche alla morte.