facebook-cervello

La Neuralink di Elon Musk non è l’unica società che desidera inviare i nostri pensieri direttamente dal cervello ad un computer. Da più di due anni fa, Facebook ha rivelato di stare lavorando ad un progetto per scrivere le parole su un computer direttamente dal cervello, senza la necessità di un intervento chirurgico invasivo per farlo funzionare.

La società ha collaborato con diverse università al progetto, tra cui l’Università della California, San Francisco (UCSF). Facebook ha aiutato a finanziare lo studio dei ricercatori dell’UCSF per studiare se gli elettrodi nel cervello potessero aiutarci a imparare a “decodificare” il discorso delle onde cerebrali in tempo reale.

Si scopre che ciò è possibile: uno studio ha dimostrato che i ricercatori potevano vedere all’istante, come testo sullo schermo di un computer, una parola o una frase che un partecipante ha detto osservando l’attività cerebrale, a condizione che fosse tra una serie limitata di risposte a domande prestabilite. Lo studio include tre pazienti con epilessia impiantata volontariamente con elettrodi.

Facebook sta anche finanziando un nuovo studio che l’UCSF sta attualmente conducendo e che tenterà di utilizzare l’attività cerebrale per aiutare a comunicare con una persona che non può parlare. Il social network spera che gli sforzi possano aiutare a rivelare quali segnali cerebrali siano fondamentali per quel dispositivo portatile non invasivo che sta pianificando da prossimi anni.

Crediamo che occorrano più di 10 anni“, ha detto Mark Chevillet, direttore della ricerca dei Reality Labs di Facebook che gestisce il suo gruppo di interfacce cervello-computer. “Questo è un programma di ricerca a lungo termine“.

 

Un’idea che richiede anni di sviluppo

Alla conferenza degli sviluppatori F8 di Facebook 2017, la società ha dipinto un’immagine fantastica di un dispositivo misterioso e non invasivo che catturerebbe i segnali dal cervello e, un giorno, potrebbe permettere di scrivere 100 parole al minuto.

Un tale dispositivo sarebbe lontano dalle interfacce cervello-computer su cui gli scienziati hanno lavorato per decenni. Tendono ancora ad essere bloccati nei laboratori perché sono costosi, devono essere impiantati sotto il cranio dell’utente e collegati ad un computer per eseguire anche le attività più semplici.

Da allora non si è molto sentito parlare della ricerca su Facebook. Sei mesi dopo averlo mostrato sul palco, Regina Dugan, leader della divisione hardware segreta di Facebook, Building 8, ha lasciato la compagnia (gli sforzi di ricerca di Building 8 sono stati aggiunti a Facebook Reality Labs, che include una gamma di applicazioni virtuali e ricerca sulla realtà aumentata). Più di recente, il CEO di Facebook Mark Zuckerberg lo ha menzionato durante una conferenza di Harvard a marzo, dicendo che è entusiasta di “rimodellare le nostre piattaforme di computer per renderle più fondamentali sulle persone e su come elaboriamo il mondo“.

Ora, tuttavia, alcuni degli sforzi di Facebook stanno venendo alla luce con notizie di progetti di ricerca in corso.