Un recente studio del Pew Research Center, negli Stati Uniti, ha rivelato che l’80% degli utenti di Internet ha utilizzato la rete per indagare su questioni relative alla salute. E gli americani non sono i soli. In tutto il mondo, le persone vanno su Internet per chiarire dubbi sulla propria salute e su quella dei propri cari.

Molti consultano diversi siti per capire a cosa sono dovuti determinati sintomi ed autodiagnosticarsi le malattie. Altri cercano come trattare i loro disturbi. I medici lamentano che oggi i pazienti arrivano nei loro studi paradossalmente troppo informati e mettono in discussione tutto. Ma ciò che li preoccupa di più è la disinformazione. Perché molti dei siti consultati da persone preoccupate per problemi di salute non sono fonti affidabili o imparziali.

A volte i consigli che danno non solo non guariscono, ma possono aggravare un problema o creare panico o preoccupazione inutili. Per acuni, un semplice mal di testa può essere letale. Come fare quindi per garantire che le informazioni che stai ricevendo siano corrette? 

 

Motori di ricerca

Su Google vengono fatte 70.000 ricerche relative alla salute ogni minuto“: il professor Carl Heneghan, direttore del Center for Evidence-Based Medicine dell’Università di Oxford, ha affermato che la prima cosa da capire è come funzionano i motori di ricerca su Internet. “Le aziende ne sono consapevoli, gli inserzionisti ne sono consapevoli e anche Google ne è consapevole. (Queste) persone manipolano alcune delle ricerche in modo da poter trovare le informazioni che vogliono che tu veda“, ha avvertito. 

Secondo i calcoli che Heneghan gestisce, il 35% delle persone si reca su Internet per autodiagnosticare i propri sintomi. A volte le consultazioni sono innocue. 

La dottoressa e divulgatrice scozzese Margaret McCartney ha sottolineato che una chiave da prendere in considerazione quando si sceglie la fonte di informazione è che non è necessario presumere che le opzioni che appaiono più in alto nelle risposte del motore di ricerca siano le migliori o quelle giuste. “Di solito trovo sia il contrario“, ha detto, “quindi continuo a fare clic, perché molte volte le opzioni più popolari non sono le migliori“. A volte occorre anche andare alla terza pagina di ricerche per trovare le migliori informazioni. 

Da parte sua, Heneghan ha raccomandato di utilizzare Google Scholar, un motore di ricerca di Google focalizzato e specializzato nella ricerca di contenuti e bibliografia scientifico-accademici.

 

Controllo dei sintomi

Alcuni siti offrono esperti in grado di esaminare i sintomi, in cui è possibile elencare ciò che sta accadendo e chiedere una diagnosi. Tuttavia, gli esperti sconsigliano di usarli. Secondo Heneghan, un’indagine della rivista accademica BMJ che ha analizzato circa 20 di questi siti ha mostrato che avevano ragione solo un terzo delle volte. “Questo può portare molte persone a credere di avere qualcosa di serio. O se hai qualcosa di serio, potrebbe accadere il contrario“, ha avvertito. 

McCartney ha aggiunto che un altro problema con questi siti è che non elencano sempre le possibili malattie in ordine di probabilità. “Ad esempio, se metti il ​​sintomo ‘gonfiore’ su Google, la prima risposta è ‘carcinoma ovarico’“, ha detto, chiarendo che è improbabile che qualcuno che soffre di gonfiore soffra di questa grave malattia. “Il problema“, ha aggiunto, “è che quando la prima cosa che vedi è qualcosa di così allarmante, distorcerai la tua percezione di ciò che potrebbe accaderti“. 

salute-google

 

Suggerimenti

Gli esperti hanno alcuni suggerimenti quando cercano informazioni sulla salute online. La cosa più importante è assicurarsi che il consiglio sia basato su prove verificabili. Quindi, eviti di cadere preda di informazioni false. 

Un altro suggerimento è scoprire chi finanzia il sito che stai leggendo. Al momento non esiste una legge sui conflitti di interesse che costringa le aziende a mettere in guardia quando forniscono “informazioni” che sono in realtà una forma di promozione. 

Ma a volte puoi trarre le tue conclusioni. Molti siti hanno una sezione istituzionale che racconta l’origine di quella pagina. Verifica se è stato creato da un farmacista o da qualsiasi gruppo con interessi che potrebbero influenzare le informazioni fornite.

Si raccomanda anche di essere il più specifici possibile con la tua ricerca, per focalizzare meglio le risposte. Se, ad esempio, hai la pressione alta e sei preoccupato che ciò rappresenti un rischio per la tua vita, invece di scrivere “ipertensione” nel motore di ricerca, puoi mettere: “adulto, ipertensione, mortalità”. Quindi le risposte saranno anche più specifiche. 

Oppure, se ti è stata diagnosticata una malattia e vuoi saperne di più sul tuo problema, una buona idea è quella di includere, oltre al nome della malattia, il Paese in cui ti trovi, per focalizzare la tua ricerca lì. È inoltre possibile aggiungere: “informazioni sul paziente”.