Chernobyl è una città ucraina ben nota per il disastro nucleare del 1986 che ha reso la vicina città Prípiat inabitabile fino ad oggi. Gli scienziati stimano che ci vorranno circa 20.000 anni perché gli umani possano riabitare di nuovo in città senza il rischio di essere colpiti dalle radiazioni che ancora prevalgono all’interno della zona di esclusione.

Con sorpresa di molti, sebbene la regione non sia certamente adatta alla vita umana, dal momento che l’intera area è stata coperta da una vegetazione densa e varia. Gli scienziati hanno spiegato questo fatto sulla base della flessibilità del sistema cellulare delle piante che, incapaci di muoversi da sole, per sopravvivere cercano semplicemente di adattarsi.

 

Lo studio

Stuart Thompson dell’Università di Westminster, afferma che le radiazioni hanno effetti dannosi sulle piante. Tuttavia, queste sono uno dei migliori esempi di resilienza. Ma trovandosi in un ambiente con risorse sufficienti per il suo sviluppo, la vita è possibile ed è per questo motivo che Prípiat ora ospita una delle più grandi riserve naturali del mondo.

Ora, se ci chiediamo se queste piante siano adatte al consumo umano, la risposta potrebbe essere no. Tuttavia, un team di scienziati britannici ha rivoluzionato questa idea con la produzione di una vodka senza radioattività chiamata ATOMIK. Questa è stata prodotto da colture vicino alla zona del disastro nucleare.

Jim Smith, professore all’Università di Portsmouth, ha indagato sulla contaminazione di Chernobyl praticamente dall’incidente 30 anni fa. Di recente ha lavorato con i suoi colleghi per produrre una bevanda spiritosa con piante locali. Gli scienziati hanno trovato livelli di radioattività nel grano, ma indicano che nel normale processo di distillazione nell’alcool è stato rilevato solo carbonio 14 naturale, “allo stesso livello di quello che ci si aspetterebbe da qualsiasi bevanda“.

Smith ritiene che questo risultato renda questa bevanda la più importante al mondo in quanto rappresenta una speranza per il recupero delle comunità abbandonate nell’area ucraina. “Penso che questa sia la bottiglia di alcol più importante al mondo perché potrebbe aiutare la ripresa economica delle comunità che vivono in aree abbandonate e nei dintorni“.

Ricordiamo che dopo l’incidente, intorno alla centrale nucleare di Vladimir Ilich Lenin, è stata istituita una zona di esclusione di 30 chilometri. Sebbene le persone vivano ancora contro l’ordine ufficiale, l’area è priva di attività economiche e industrie formali. Inoltre, l’agricoltura commerciale è ancora vietata sia lì che nelle aree circostanti. “Molte migliaia di persone vivono ancora nella zona di reinsediamento obbligatorio, dove sono ancora vietati gli investimenti e l’uso di terreni agricoli“, ha affermato Smith.

Ora gli scienziati stanno cercando di fondare una società chiamata The Chernobyl Spirit Company per commercializzare questa vodka e iniziare la produzione su piccola scala entro la fine di quest’anno.