dieta-cancro

La limitazione del consumo di metionina, un amminoacido essenziale le cui fonti principali sono carne, pesce e latticini, può sostanzialmente aiutare il trattamento tradizionale del cancro. Un team di ricercatori americani lo ha stabilito testando la dieta povera di questa proteina con i topi. Uno studio sull’argomento è stato pubblicato il 31 luglio sulla rivista Nature.

Secondo l’autore principale dell’articolo, Jason Locasale, della Duke University, il nuovo metodo blocca il cosiddetto metabolismo del carbonio – un processo vitale per la propagazione del tumore -, facilitando la sua eliminazione mediante l’uso di radiazioni o chemioterapia. “Sta privando le cellule tumorali di alcuni nutrienti, a un livello molto basilare“, ha spiegato il ricercatore. “Ci sono molte situazioni in cui un farmaco […] o la radioterapia non funzionano bene, ma se combinato con la dieta [è efficace]“, ha poi continuato.

 

Ulteriori risultati dallo studio

Allo stesso tempo, ha chiesto di non estrapolare i risultati dell’esperimento prematuramente oltre i tipi di tumore nello studio: cancro del colon-retto e sarcomi dei tessuti molli. “Non è la panacea“, ha avvertito.

Sebbene la restrizione non sia stata testata con pazienti umani – la ricerca dietetica non è sponsorizzata tanto quanto i test farmacologici poiché non sono così redditizi – sei individui sani hanno mostrato cambiamenti simili nel loro metabolismo rispetto a quelli rilevati nei topi. In questo modo, ci si può aspettare che un giorno il nuovo trattamento sarà accettato dai medici.