La nostra cultura popolare è piena di storie in cui gli esseri umani sono sull’orlo dell’estinzione, sia a causa di un disastro naturale come terremoti o tsunami la cui ragione di origine è alla base della nostra impronta, una pandemia mortale e persino l’arrivo di un entità extraterrestre.

Gli esseri umani non sono gli esseri più importanti sul pianeta Terra, anche se ci crediamo da molto tempo. La nostra stessa esistenza consiste nel metterci davanti agli altri ospiti del pianeta. Ad esempio, preferiamo continuare a produrre plastica e smaltire i rifiuti nonostante si accumuli negli oceani e soffoca molte specie.

Tuttavia, quante volte abbiamo pensato a come potrebbe essere il nostro pianeta se, un giorno, non dovessimo più abitarlo? Quali sarebbero le specie dominanti?

 

Qual è la specie dominante oggi?

Inizieremo chiarendo che le specie dominanti non sono necessariamente le più numerose. La Terra ha attualmente oltre 7,5 miliardi di persone, secondo i dati forniti da Census, un sistema americano che monitora la popolazione mondiale.

È una quantità considerevolmente grande sì, ma ciò non ci rende più “presenti” di chiunque altro. In realtà, il mondo sembra essere stato sotto il dominio dei microrganismi per miliardi di anni e la loro egemonia continua anche quando la fine dell'”era dei microbi” è arrivata circa 1,2 miliardi di anni fa.

Possiamo garantire che i batteri siano di gran lunga gli organismi dominanti sulla Terra oggi. Per cominciare, questi sono i primi organismi che compaiono nei reperti fossili e i documenti più antichi risalgono a 3,5 miliardi di anni fa, dopo di che sono comparsi gli eucarioti. Tutto ciò è accaduto molto prima dell’arrivo degli esseri umani, indicando che i batteri erano l’unico modo di vivere registrato nella maggior parte della storia biologica del nostro pianeta.

E lo sono ancora. Perché? Bene, anche se la cifra non è un determinante in questa classifica, dobbiamo menzionarlo. I batteri sono estremamente vari e numerosi, e ciò è in gran parte dovuto alla loro capacità di proliferare in diversi habitat. Sì, sicuramente stai pensando che le alte temperature li uccidono e le basse temperature ne fermano la moltiplicazione.Tuttavia supportano una vasta gamma di temperature, pressioni e pH, e il nostro pianeta ha una grande varietà di ambienti in cui una delle sue diverse tensioni permette di creare un sito.

Come per gli scarafaggi che resistono alle radiazioni e agli attuali insetticidi, è difficile pensare a un incidente che elimini i batteri dalla faccia della Terra. Quindi sì, siamo insignificanti rispetto a loro, tenendo conto del fatto che possono persino porre fine alla nostra vita causandoci malattie gravi e diventando resistenti ai farmaci che usiamo per combatterli.

Tuttavia, ci riteniamo superiori per il semplice fatto che siamo più visibili di loro

 

È improbabile che i primati ci rimpiazzino

Nonostante la nostra somiglianza con i primati, sembra che siamo più resistenti di loro. Se un evento biologico rappresentasse un pericolo di estinzione per l’uomo, sicuramente colpirebbe prima i primati.

I nostri occhi sono magnifici. Ci permettono di apprezzare e distinguere le meraviglie della natura, da altri animali colorati a fenomeni come il fulmine e l’aurora boreale. Tuttavia, molti elementi importanti passano inosservati davanti a noi e questo ci rende più evidenti dell’ovvio.

Non possiamo vedere i batteri ad occhio nudo, quindi di solito non li consideriamo come i nostri “sostituti” in un futuro in cui moriremo. Invece, molti ritengono che animali simili a noi, come i primati, potrebbero avere una possibilità.

Il fatto è che sebbene gli umani siano fragili, di tutte le specie che la scienza ha confermato hanno popolato la Terra, noi siamo quelli ad aver avuto una configurazione fisica che ci fornisce destrezza manuale e, cosa più importante, siamo in grado di pensare (anche se è vero, molte volte non sembra).

Oltre a ciò, siamo molto più resistenti delle scimmie. Attualmente, siamo l’unico ominide vivente che non è in pericolo di estinzione. Quasi ogni evento catastrofico che può comportare la nostra estinzione finirà sicuramente prima con i primati.

 

Cosa rende una specie dominante?

L’intelligenza sarà il risultato dell’evoluzione solo se favorirà la sopravvivenza e il successo riproduttivo di una specie. Potremmo pensare che quantità, intelligenza e attributi fisici siano elementi chiave per fornire potere. Tuttavia, queste caratteristiche non sono così importanti per dominare la Terra e, sebbene abbiano permesso la creazione di meraviglie per mano dell’uomo, non garantiscono che possiamo evolvere per persistere.

L’obiettivo dell’evoluzione è garantire la sopravvivenza e il successo riproduttivo per mantenerlo. L’intelligenza è uno dei risultati evolutivi più notevoli, ma continuerà ad essere presente nel tempo fintanto che funziona per tali scopi. Per questo motivo, è difficile garantire che in futuro ci saranno umani molto più intelligenti e ancora di più quando la nostra intelligenza verrà usata molte volte per la nostra stessa distruzione.

Quindi, per il momento, sappiamo quali specie probabilmente non potrebbero soppiantarci in caso di Apocalisse, ma non possiamo essere sicuri di quale effettivamente possa resistere. Gli eventi di estinzione verificatisi nel corso della storia della Terra sono stati estremamente vari: vivere in quel momento è stato altrettanto difficile del prevedere chi sarebbe arrivato dopo.