È stato scoperto un nuovo terribile virus informatico che sembra sia in grado di registrare gli ignari internauti mentre navigano su siti destinati ad un pubblico adulto, minacciando in un secondo momento di inviare il filmato ai contatti della rubrica o dei servizi di messaggistica istantanea, utilizzandolo per ricattare gli utenti. Il virus, chiamato Varenyky, ha creato molto scalpore tra gli hacker più spregiudicati, che si sono subito adoperati per estorcere agli utenti denaro in cambio del loro silenzio.

virus

Gli esperti affermano che il malware può essere utilizzato per rubare password e accedere ad account, e-mail e contatti al fine di inviare queste registrazioni. Tuttavia, il virus ha solo la capacità di registrare lo schermo, quindi i contatti non vedranno l’utente, qualunque cosa stia guardando. Il virus è stato rilevato per la prima volta in Francia, dove si è mostrato inizialmente attraverso l’invio di e-mail di spam per promozioni di smartphone.

 

Questo virus si è manifestato inizialmente attraverso e-mail intimidatorie agli utenti

Ma ora gli hacker hanno iniziato a seguire la via della “sextortion“, sostenendo di aver registrato persone tramite la loro webcam mentre visitavano un sito per adulti. Le autorità responsabili per la sicurezza della navigazione in Internet hanno avvisato gli utenti dell’esistenza di questo virus, affermando che esso presenta una serie di funzioni nascoste utilizzate per estrarre nomi utente e password, oltre a registrare qualsiasi cosa che passi sullo schermo del computer.

virus

Tuttavia, questa non è la prima volta che gli utenti web sono coinvolti in truffe di questo tipo, anche con minacce di condividere filmati intimi. Nel 2008 un’e-mail intimidatoria terrorizzava gli utenti e il messaggio era terribilmente convincente: le mail affermavano di avere le password degli utenti e includevano persino alcune password utilizzate dagli stessi all’inizio del messaggio. Le mail arrivavano a chiedere anche fino a 2000 dollari agli sventurati utenti, altrimenti i filmati sarebbero stati diffusi in rete.