terrapiattisti-razzo-incidente-fallimento

Grazie ad Internet il movimento dei terrapiattisti sembra stia vivendo una golden age. Paradossalmente parlando, l’accesso a tutto il sapere umano sta favorendo l’espansione di questo gruppo il quale cerca sempre modi per provare la loro credenza, ovvero che la Terra è piatta. Ancora una volta uno di questi ha cercato di mettere insieme un razzo con lo scopo di raggiungere l’orbita e provare di aver ragione. Purtroppo non ci è riuscito e non solo perché il nostro pianeta non è piatto, ma anche perché il mezzo non ha funzionato.

L’uomo, Mike Hughes, ha cercato di sfruttare una caldaia da 325 dollari trovata su un sito online di rivendita di oggetti usati o meno. Risparmiare su qualcosa del genere, soprattutto per l’uso per cui era stata convertita, non è stata una mossa intelligente. Il boiler non è riuscito a produrre abbastanza vapore per dare propulsione al razzo, ma questo non ha demoralizzato l’ingegnere improvvisato che ha deciso di riprovarci il 17 agosto.

 

Terrapiattisti e testardaggine

La dichiarazione dell’uomo: “Apprezzo il sostegno, l’amore e l’eccitazione da parte di tutti, e un ritardo non fermerà la mia missione: il razzo è in atto e ha bisogno di una perdita, quindi il fine settimana è un successo. Credo che la Terra sia piatta questa Terra piatta non ha nulla a che fare con il lancio di missili a vapore. Non l’ha mai fatto. Non lo farà mai. Sono un temerario!

Che ci si crede o meno, Hughes ha già costruito tre mezzi del genere. Il primo aveva viaggiato in orizzontale su una proprietà privata raggiungendo quasi 500 metri. Nel 2018 è riuscito in un lancio verticale tanto da raggiungere un’altezza di più 550 metri. Il terzo tentativo non è andato bene, quindi si aspetta il quarto.