Gli scienziati hanno scoperto come si formano i calcoli biliari, con un farmaco che potrebbe aiutare i malati a evitare un intervento chirurgico. È noto da tempo che il colesterolo è un componente chiave dei calcoli biliari, tuttavia, esattamente come le molecole raggruppate insieme fosse un mistero.

I ricercatori ora credono che le sostanze appiccicose chiamate “trappole extracellulari di neutrofili” (NET) facciano aderire i cristalli per formare calcoli biliari. Un team dell’University Hospital di Erlangen, in Germania, ha scoperto i neutrofili, un tipo di cellula immunitaria, espellono il DNA e un enzima che insieme agiscono come una colla.

 

Il farmaco per chi soffre di calcoli biliari

Quando gli scienziati hanno somministrato “farmaco anti-NET” ai topi con questa condizione, il numero e la dimensione delle pietre si sono ridotti. Nell’uomo, le pietre variano di dimensioni dalle dimensioni di un granello di sabbia a una pallina da golf.

Uno di questi farmaci era il metoprololo beta-bloccante “consolidato”, che è già prescritto per il trattamento della pressione alta e del dolore toracico. I ricercatori sperano che il metoprololo possa essere testato in studi sull’uomo, quindi un giorno potrebbe consentire ai pazienti di evitare l’intervento chirurgico necessario per rimuovere i calcoli biliari.

I neutrofili sono stati a lungo considerati la prima linea di difesa contro le infezioni e hanno dimostrato di generare NET che intrappolano e uccidono i patogeni “, ha detto l’autore senior Martin Herrmann.

‘Qui, forniamo ulteriori prove della natura della spada a doppio taglio di questi NET, dimostrando che svolgono un ruolo importante nell’assemblaggio e nella crescita dei calcoli biliari.l targeting dei neutrofili e la formazione di NET può diventare uno strumento interessante per prevenire i calcoli biliari nelle popolazioni ad alto rischio.”