batterio

Il batterio della specie Vibrio vulnificus – che provoca un’infezione che “mangia” carne umana – ha ucciso due anziani negli Stati Uniti negli ultimi giorni. La situazione sta causando qualche preoccupazione, temendo che i batteri possano diffondersi sempre di più a causa del riscaldamento globale.

Questo batterio tende a diventare sempre più comune in diverse parti del globo a causa del riscaldamento delle acque oceaniche. Un recente studio sottolinea che il cambiamento climatico può aiutare a diffondere i batteri alle latitudini dove è insolito.

Esistono diverse specie di batteri Vibrio che causano sintomi come diarrea, crampi, nausea, vomito e febbre. Ma il vulnificus può causare gravi infezioni del sangue, portando allo sviluppo della fascite necrotizzante, una malattia che provoca la morte dei tessuti umani.

Questi batteri si moltiplicano in acque salate o salmastre e il riscaldamento degli oceani, motivato dai cambiamenti climatici, crea un “brodo” perfetto per la loro espansione.

Si trovano lungo la costa del Golfo e sulla baia di Chesapeake, il più grande estuario degli Stati Uniti tra gli Stati del Maryland e la Virginia, che sfocia nell’Oceano Atlantico. Ma sta già infettando le persone in  Florida nell’area del Golfo del Messico.

 

Le vittime

Si segnala la morte di una persona anziana a causa di complicanze legate all’infezione causata dai batteri. Si diceva che l’uomo fosse stato contaminato in Florida nelle acque di Destin Beach nella contea di Okaloosa.

L’anziano, che stava andando a trovare sua figlia, ha avuto sintomi come febbre, brividi e crampi quando è tornato a casa nel Tennessee. Quando la donna lo ha portato in ospedale, è stato scoperto che aveva “una macchia nera terribilmente gonfia sulla schiena” che è raddoppiata nelle poche ore immediatamente successive. L’uomo è morto 48 ore dopo essere stato infettato.

Secondo quanto riferito, una ragazza di 12 anni è stata infettata dallo stesso batterio una settimana prima vicino alla Florida. In questo caso, i medici sono stati in grado di evitare di amputare la gamba con un intervento chirurgico di emergenza.

La NBC News ha anche riferito che una donna di 77 anni è morta a causa di batteri dopo aver fatto un taglio a una gamba in una caduta in acqua sulla spiaggia di Coquina, ancora in Florida, nella zona del Golfo del Messico. Alla donna fu diagnosticata la fascite necrotizzante ed è morta durante l’operazione di amputazione delle gambe nel tentativo di salvarle la vita dopo aver subito due attacchi di cuore e un’insufficienza d’organo generalizzata.

I medici avvertono che ci sono problemi di salute che possono peggiorare l’infezione, tra cui malattie del fegato, diabete ed epatite. Ci sono casi in cui l’amputazione degli arti è l’unico modo per prevenire la morte. In situazioni meno gravi, può essere superato con antibiotici.

Il batterio, che è stato trovato anche in Europa, può essere contratto dopo essere entrato in acque contaminate con una ferita aperta o dopo aver mangiato molluschi crudi o poco cotti da acque contaminate. Pertanto, viene prestata particolare attenzione a queste situazioni.