Un grande asteroide, largo 290 m e lungo 650 m, si dirigerà verso il nostro Pianeta il prossimo 14 Settembre ad una velocità di 23.100 km/h. Ma il risultato di questo passaggio non sarà un catastrofico impatto con la Terra, anche se questa volta ci passerà davvero molto vicino. La distanza minima tra l’asteroide e la Terra sarà infatti di 0,036 UA (ovvero molto meno di un unità astronomica, considerata come la distanza tra la Terra ed il Sole).

 

2000 QW7, l’asteroide che ci fa visita alla fine dell’estate

Questo asteroide, noto come 2000 QW7, è considerato dalla NASA come un Near-Earth Object (NEO); così vengono infatti classificati tutti i grandi asteroidi che si avvicinano a meno di 1,3 UA dalla Terra. E la distanza di questo steroide sarà di 5,3 milioni di chilometri, una distanza enorme in termini di distanze terrestri, ma davvero uno spazio esiguo su scala astronomica (basti pensare che la distanza tra la Terra ed il Sole è di 150 milioni di km e sono due corpi celesti relativamente vicini.

 

Da adesso in poi sarà sempre più lontano dal nostro pianeta

La prossima volta che l’asteroide 2000 QW7 passerà accanto al nostro Pianeta, lo farà ad una distanza maggiore, ovvero 0,23 UA, precisamente il 19 Ottobre 2038. E continuerà ad allontanarsi duranti i suoi prossimi quattro passaggi, che avverranno tutti entro la fine di questo secolo. Mentre il precedente passaggio è avvenuto il 1° Settembre del 2000, più o meno alla stessa distanza di quello previsto per il 14 Settembre prossimo.