BlackBerry-Obama

BlackBerry, inizialmente noto come Research In Motion Inc. (RIM), ha segnato un prima e un dopo nel mercato della tecnologia mobile, non solo a livello di utente ma anche a livello aziendale. Tuttavia, la lotta della società per rimanere al primo posto nel mercato della telefonia mobile l’ha portato a diventare una società eclissata in un batter d’occhio.

 

BlackBerry e l’inizio dell’era “Smart”

Nel 2002, BlackBerry ha lanciato BlackBerry 5810, un telefono che offriva più strumenti per far comunicare gli utenti aziendali. Il dispositivo aveva il supporto per le reti GSM, essendo pioniere in queste reti di telefonia, che consentivano agli utenti di connettersi ovunque a qualsiasi distanza, grazie al nuovo strumento di invio di e-mail e alla caratteristica tastiera Qwerty, che includeva anche il calendario.

Sebbene il terminale avesse uno schermo in bianco e nero e avesse bisogno di cuffie per effettuare chiamate, era considerato non solo il primo smartphone dell’epoca, ma anche quello che segnò l’inizio dell’era BlackBerry.

 

2003 – 2007, il design e l’avanguardia hanno catapultato il successo di BlackBerry

Dal 1999, BlackBerry ha iniziato a raccogliere successi e dare di che parlare grazie agli sviluppi tecnologici come il suo servizio di posta, diventando un Oscar anche per il progresso tecnico dell’anno. Tuttavia, non è stato fino ai primi anni del 21° secolo che queste tecnologie hanno iniziato a materializzarsi.

I primi smartphone – sì, a quel tempo abbiamo iniziato a parlare di smartphone – del marchio, corrispondono alle serie 5000 e 6000, fornite con supporto GSM e CDMA integrato. BlackBerry 6710 ha risolto il fattore di dipendenza dell’auricolare per effettuare chiamate, in quanto ha rilasciato la scheda audio. La serie 6750 è stata la prima con il supporto CDMA della società di telefonia Verizon Wireless. La tecnologia implementata da BlackBerry ha costretto le compagnie telefoniche a sviluppare piani di dati per navigare.

 

L’approccio agli utenti comuni

Dopo aver conquistato il mercato aziendale, l’azienda ha lanciato attrezzature per uso personale. Con il lancio dei suoi modelli BlackBerry 6200 e della serie 7100 nel 2004, l’azienda ha continuato ad aumentare la propria base di clienti e acquisire aderenti.

Secondo i rapporti, nel 2004 il produttore aveva due milioni di utenti in tutto il mondo e nel 2005 ha raddoppiato la cifra.

 

Schermi a colori e l’inizio dell’età d’oro

La crescita di BlackBerry, in questo momento (2005-2007), è dovuta al lancio di telefoni innovativi. L’azienda ha lanciato dispositivi con schermi a colori, lettore audio e video, fotocamera, connessione WiFi e BlueTooth a cui gli utenti più esigenti non lo potrebbero resistere.

 

BlackBerry 7250

Il BlackBerry Perl era uno dei terminali più popolari, lanciato nel 2006 dai leader politici agli artisti di Hollywood, presumeva che questo dispositivo avesse la tecnologia più recente tra cui il sistema di messaggistica BlackBerry Messenger, uno dei prodotti più forti del marchio e la trackball caratteristica da spostare sullo schermo.

Per il momento, gli utenti volevano rimanere connessi e l’applicazione di messaggistica BBM, che non aveva bisogno di accedere a un browser per comunicare, era una delle migliori soluzioni del tempo in cui non esistevano WhatsApp o Facebook Messenger.

BlackBerry Curve è stata l’ultima versione del produttore che ha indubbiamente portato l’azienda al vertice, ma nonostante questo, i concorrenti stavano già pensando a come detronizzare BlackBerry. È così che nel 2007 è iniziato quello che molti chiamano l’inizio della fine di BlackBerry.

 

L’inizio della fine di BlackBerry

L’età d’oro di BlackBerry è stata segnata dagli smartphone BlackBerry Perl e Curve, che hanno riscosso molto successo tra i consumatori. Ciò ha consentito alle azioni della società di salire alle stelle nel 2007.

Tuttavia, allo stesso tempo i produttori di smartphone hanno iniziato a lanciare dispositivi che, in qualche modo, hanno superato le qualità dei terminali BlackBerry. 

 

Apple lancia l’iPhone 

Apple ha presentato il suo iPhone nel 2007, un nuovo smartphone touchscreen che ha catturato l’attenzione dei consumatori sin dal suo lancio. E anche se i leader stavano scambiando il loro BlackBerry con l’iPhone, la società lo considerò semplicemente un altro smartphone.

Con l’arrivo dell’iPhone, il mercato mobile è stato invaso da terminali simili di altri marchi, adottando caratteristiche simili di invio di e-mail, ma BlackBerry era allora noto come un terminale per uso aziendale. Tuttavia, non è stato sufficiente e i manager hanno iniziato a raccogliere idee per “uccidere l’iPhone”, come richiesto da Verizon al momento. Tuttavia, gli obiettivi non sono stati raggiunti.

 

Differenze interne

Le differenze tra i dirigenti BlackBerry sono emerse quando la concorrenza era molto evidente con i dispositivi touchscreen come l’iPhone. Questo perché alcuni dirigenti hanno difeso l’idea della tastiera Qwerty fisica fino alla fine, come il fondatore Mike Lazaridis, che si è opposto al lancio di un terminale touch screen.

Da parte sua, il CEO Jim Balsillie ha difeso l’idea di cambiare l’approccio alla messaggistica istantanea e il lancio di un BlackBerry 10 con uno schermo semplice.

Tuttavia, l’azienda ha deciso di lanciare Storm nel 2008, un terminale con touchscreen e, sebbene sia stato ben accolto dagli utenti, a livello operativo ha lasciato molto a desiderare. Le azioni BlackBerry sono diminuite dell’80% nel 2011 e le differenze interne su come rimanere a galla sono diventate più tese.

Nel novembre 2012, la quota di mercato di BlackBerry negli Stati Uniti era sceso solo al 7,3%, con Google e Apple che rivendicavano una quota di mercato del 53,7% e del 35%. Nello stesso anno, il CEO Jim Balsillie si è dimesso dall’azienda per protesta perché il CEO Thorsten Heins ha ignorato l’intera iniziativa e il piano per cambiare il focus del software.

Heins, supportato dai dirigenti, ha continuato a scommettere sui touchscreen che stavano dominando il mercato e ha lanciato lo Z10, un dispositivo sottile con il tipo di touchscreen in vetro simile all’attuale Samsung e Apple, ma i risultati non erano quelli previsti.

Nel 2013 la società ha toccato il fondo, con milioni di perdite e le notevoli differenze tra i suoi dirigenti hanno portato a un cambiamento di dirigenti e dirigenti. 

 

Tentativi finali

I dirigenti hanno continuato a difendere l’idea di lanciare BlackBerry 10 e Z30, nonché il lancio di applicazioni di messaggistica per i sistemi operativi Android e iOS, che erano il mercato dominante.

Ma i prodotti della concorrenza hanno continuato a sovraperformare BlackBerry e la fine dell’azienda si stava avvicinando. Nel 2015, l’azienda ha provato ad adattarsi alle attuali tecnologie scommettendo su Priv, un terminale basato sul sistema operativo Android, ma era troppo tardi. I risultati e le vendite non erano quelli previsti, poiché si trattava di un terminale di un marchio che svaniva a un prezzo molto alto.

 

BlackBerry Priv

Questo è stato l’ultimo tentativo dell’azienda che è scomparsa dal mercato, rappresentandoun campione dei rischi che il mercato tecnologico può affrontare e delle aziende che rifiutano di innovare in questo settore.

Questi errori e differenze interne hanno segnato la fine dell’era BlackBerry, una potente azienda che ha recentemente respinto BlackBerry Messenger, la sua idea più innovativa per l’epoca e che ha indubbiamente cambiato il modo in cui comunichiamo tramite un telefono.