iphone-gambling

Al di là dei gusti personali, ciò che è innegabile è che gli iPhone siano considerati da sempre telefoni di ottima qualità per le loro caratteristiche che ne agevolano l’utilizzo in qualsiasi condizione. Tra queste, una delle principali è di essere dotati dei più veloci e convenienti metodi di pagamento.

Nel settore dell’intrattenimento online, ciò rappresenta un indubbio vantaggio per i gamers che ricercano il divertimento in modo facile e veloce, senza dover perder troppo tempo per effettuare le varie transazioni. Grazie anche alla presenza del sistema di pagamento touch ID, attraverso l’impronta digitale collegata direttamente alla carta di credito, è possibile ricaricare il proprio account in maniera pressoché istantanea e sicura. Per fare ciò è necessario che il sito sia abilitato ad Apple Pay, un metodo di pagamento non molto diffuso. Pochi sono i licenziatari in grado di offrire questo servizio e garantire il massimo grado di interazione con un iPhone.

In aggiunta, questo tipo di smartphone è dotato di una grafica e un audio spettacolari e non stupisce quindi come tanti gamers scelgano questo prodotto per divertirsi online. Tra i giochi più valorizzati dai dispositivi Apple, spiccano quelli sui casinò online, che sfoggiano una grafica accattivante specialmente per quanto riguarda, ad esempio, le slot machine, le quali devono necessariamente puntare sulla componente estetica per “far breccia” sui giocatori e catturare la loro attenzione. Grafica e design possono colpire il giocatore tanto da coinvolgerlo e farlo divertire a lungo, ma ciò si traduce anche in sessioni di gioco talvolta anche molto lunghe che possono intaccare la durata della batteria dei dispositivi.

Ed è proprio sulla durata della batteria e sui vari consumi che si sono soffermati gli esperti di casa Apple discutendone durante la conferenza annuale WWDC 2019. Facendo una breve panoramica dei vari argomenti toccati, i punti più salienti del keynote durato circa 2 ore hanno riguardato:

  • Il debutto di iOS13, che migliora l’aspetto di alcune app di base, il riconoscimento facciale velocizzando i tempi di sblocco del 30% e potenzia l’app di Maps grazie alla quale è possibile condividere il proprio ETA;
  • l’ufficializzazione della Dark Mode per iOS 13, che arriverà su tutti gli smartphone Apple a partire da settembre 2019, proprio in occasione del lancio dell’iPhone 11. Fine ultimo della Dark Mode è proteggere la vista e non affaticarla specialmente di notte, limitando anche i consumi;
  • Nuovi protocolli di sicurezza per Homekit e autorizzazioni per le app: sarà possibile dare l’accesso alla posizione a terzi soltanto previa autorizzazione ogni volta che si esegue una app. Gli accessi inoltre saranno protetti da Face ID;
  • Siri avrà una nuova voce e maggiori funzionalità durante la guida e con l’uso degli AirPods. Ciò sarà possibile grazie all’implementazione di una rete neurale in grado di assicurare un’interazione migliore e personalizzata;
  • Con il nuovo sistema operativo per Mac, Catalina, iTunes sparirà e l’app verrà separata in tre parti: Music, Podcast e TV.