meteoriti

La maggior parte dei meteoriti trovati sulla Terra ha forme casuali. Ma un numero sorprendentemente alto – circa il 25% – è a forma di cono. Gli scienziati chiamano queste pietre spaziali coniche “meteoriti orientati“. Ora, grazie a un paio di esperimenti i cui risultati saranno presentati negli Proceedings of National Academy of Sciences, sappiamo perché: l’atmosfera scolpisce le rocce in forme più aerodinamiche mentre cadono sulla Terra.

Questi esperimenti raccontano una storia orientata all’origine del meteorite“, dice in un comunicato il fisico matematico Leif Ristroph, ricercatore presso la New York University, che ha condotto lo studio. “Le forze aerodinamiche che fondono e rimodellano i meteoroidi in volo li stabilizzano, in modo che una forma di cono possa essere scolpita e infine verso terra“, aggiunge il ricercatore.

È difficile replicare con precisione l’incontro di meteoroidi ambientali nel loro cammino verso la superficie del nostro pianeta. Le rocce spaziali si infrangono nell’atmosfera ad alta velocità, generando un attrito improvviso e intenso che riscalda, fonde e deforma gli oggetti mentre cadono liberamente.

Queste condizioni non esistevano nel laboratorio della New York University dove si è svolto lo studio, ma i ricercatori hanno affrontato questi fattori utilizzando materiali più morbidi e acqua e dividendo l’esperimento in parti.

 

Lo studio

In primo luogo, gli scienziati hanno intrappolato palline di argilla morbida al centro di corsi d’acqua fluenti, un’approssimazione di una roccia pesante che raggiunge un’atmosfera. Secondo i ricercatori, l’argilla tendeva a deformarsi ed erodersi in un cono.

Questa esperienza da sola non spiegherebbe molto. L’argilla molle non può muoversi nell’acqua – una situazione molto diversa rispetto a una roccia libera che si libera nell’atmosfera superiore e che in qualche modo si orienta da sola.

Nella seconda fase, i ricercatori hanno messo diversi tipi di coni nell’acqua per vedere come potrebbero essere caduti. Coni troppo stretti o troppo grassi tendono comunque a cadere come rocce. Ma c’erano coni tra quelle due estremità che ruotavano fino a quando i punti indicavano la loro direzione di viaggio come una freccia e poi scivolavano agevolmente attraverso l’acqua.

Il principio di Goldilocks è così chiamata per analogia alla storia dei bambini “Riccioli d’oro e i tre orsi”, in cui una ragazza di nome Goldilocks prova tre piatti diversi e preferisce quello che non è né troppo caldo né molto freddo, ma ha la temperatura ideale. Poiché la storia dei bambini è ben nota in tutte le culture, il concetto di “quantità ideale” è facilmente comprensibile e applicato in molte aree, tra cui psicologia dello sviluppo, biologia, astronomia, economia e ingegneria.

Questi due esperimenti insieme sembrano mostrare che, quando si verificano determinate condizioni, le rocce spaziali svilupperanno forme coniche sotto l’attrito estremo di un’entrata atmosferica. A volte queste parti coniche aiuteranno le rocce a stabilizzarsi, puntando in una direzione coerente mentre cadono. Questa stabilità, a sua volta, li rende sempre più conici .

Quando le rocce colpiscono il suolo, i cacciatori di meteoriti trovano i resti di rocce spaziali coniche “orientate”.