sindrome

Circa 16 bambini hanno sviluppato la “sindrome del lupo mannaro” dopo aver assunto alcuni farmaci contaminati in Costa del Sol, in Spagna. Ai bambini è stata diagnosticata la terribile condizione dopo aver assunto dell’omeprazolo alterato, un medicinale utile alle persone che soffrono di reflusso acido. I lotti di medicinali consumati dai bambini sono stati miscelati con minoxidil, un farmaco che aiuta la crescita dei capelli nei pazienti affetti da alopecia.

sindrome

Secondo quanto riferito, i dirigenti sanitari spagnoli hanno ritirato dal commercio i prodotti contaminati. Si ritiene che la società farmaceutica Farma-Quimica Sur SL, con sede a Malaga, abbia acquistato queste sostanze dannose dall’India, stando a quanto fa sapere The Sun. Il problema è limitato alla formula dell’omeprazolo per i bambini e non influisce sulla forma della compressa del farmaco, sostengono le autorità spagnole; quindi il medicinale, ad un esame esteriore, non presenta alcuna alterazione evidente.

 

La sindrome può anche presentarsi sin dalla nascita

L’improvvisa crescita dei capelli causata dai farmaci contaminati si interrompe solo quando i bambini smettono di assumere il farmaco. I medici che hanno assistito al fenomeno ritengono che la contaminazione avrebbe potuto colpire fino a 30 farmacie e oltre 50 lotti di omeprazolo destinato ad essere distribuito ai pazienti. L’ipertricosi è un effetto collaterale comune del minoxidil e provoca un’eccessiva crescita dei capelli in tutto il corpo; ma è interessante sottolineare che alcune persone nascono presentando già questa sindrome, con un impatto anche psicologico molto serio.

sindrome

Un paziente, Lalit Patidar, 13 anni, indiano, ha raccontato di come alcuni crudeli bulli gli hanno lanciato pietre contro, gridandogli contro “scimmia”. Lalit non nasconde di non convivere affatto serenamente con questa condizione, anche perchè l’eccessiva crescita dei peli corporei comporta difficoltà molto serie alla respirazione e alla vista. Il ragazzo viene regolarmente deriso e fissato continuamente mentre è in pubblico, soprattutto quando si avventura fuori dal suo villaggio natale.