edscottite

Un nuovo minerale, denominato “edscottite” è stato scoperto in questi giorni, lungo il lato di una strada in una remota città australiana di Wadderburn, salita alla ribalta per essere stata una delle più trafficate tappe durante la corsa all’oro. Ai tempi, Wedderburn era un insediamento fondamentale per i cercatori d’oro e lo è tutt’oggi, ma nessuno lì aveva mai visto una pepita simile a quella che è stata ritrovata.

 

Si chiama “edscottite” e non era mai stata rinvenuta in natura

Il meteorite Wedderburn, rinvenuto a nord-est della città nel 1951, era un piccolo pezzo di 210 grammi di roccia, dall’aspetto piuttosto inusuale, che cadde dal cielo. Per decenni, gli scienziati hanno cercato di decifrare i suoi segreti e i ricercatori ne hanno appena decodificato un altro. In un nuovo studio condotto dal mineralogista di Caltech Chi Ma, gli scienziati hanno analizzato il meteorite Wedderburn e verificato la presenza di quella che chiamano “edscottite“: una rara forma di minerale di carburo di ferro che non è mai stata trovata prima in natura.

Da quando le origini spaziali del meteorite Wedderburn sono state accertate, la particolare roccia è stata esaminata da numerosi team di ricerca, con circa un terzo del campione originale ancora intatto, che è conservato all’interno della collezione geologica dei Musei Victoria in Australia. Il resto è stato portato via in una serie di campioni, estratti per analizzare la composizione del meteorite. Tali analisi hanno rivelato tracce di oro e ferro, insieme a minerali più rari come kamacite, schreibersite, taenite e troilite; ma ora possiamo aggiungere la edscottite all’elenco.

 

L’origine del materiale non è certa, ma si pensa fosse parte del nucleo di un antico pianeta

La scoperta della edscottite, così chiamata in onore dell’esperto di meteoriti e cosmologo Edward Scott, è significativa perché mai prima d’ora abbiamo confermato che questa formulazione atomica del minerale di carburo di ferro sia avvenuta in maniera naturale. Tale conferma è importante, perché è prerequisito per i minerali essere ufficialmente riconosciuti come tali dall’International Mineralogical Association (IMA).

edscottite

Quanto al “come” questo frammento di edscottite naturale sia finito appena fuori dalla zona rurale di Wedderburn non si può sapere con certezza, ma secondo lo scienziato Geoffrey Bonning della Australian National University, il minerale potrebbe essersi formato in un nucleo riscaldato e pressurizzato di un antico pianeta. Molto tempo fa, questo pianeta, potrebbe aver subito una violentissima collisione cosmica, magari coinvolgendo un altro pianeta, o una luna o un asteroide, ed essere stato fatto a pezzi, scagliati attraverso lo spazio, ha detto Bonning.