Una delle cose frustranti nello studio degli animali a lungo estinti è quanto fossero sconsiderati. I dinosauri sono stati terribilmente cattivi nel lasciarci buoni esempi dei loro tessuti molli da studiare. Invece di allinearsi in ordinate file ordinate in condizioni ideali per la fossilizzazione a lungo termine, sono morti dappertutto. Ciò ha reso molto più difficile studiarli in modo appropriato. Nella maggior parte dei casi, la fossilizzazione preserva solo l’osso, sebbene segni deboli, graffi o “ombre” conservate a volte mostrino ancora dove esistessero i tessuti molli.
Poiché non possiamo esaminare direttamente i tessuti molli, i paleontologi devono studiarli indirettamente, esaminando le strutture ossee che sono state preservate per milioni di anni e confrontandole con le creature che esistono ancora oggi. Tracciando il lignaggio evolutivo di creature ancora esistenti all’indietro nel tempo fino a quando converge con creature ormai estinte, gli scienziati possono osservare come queste caratteristiche si sono evolute e intuire alcuni aspetti di come le strutture più vecchie avrebbero potuto funzionare, come è il caso del Tyrannosaurus Rex, uno dei dinosauri più famosi ed apprezzati.

 

Tyrannosaurus Rex, la scoperta sul suo cranio

I ricercatori che hanno esaminato il cranio del Tyrannosaurus Rex hanno pubblicato un documento in cui si afferma che queste creature avevano effettivamente dei condizionatori d’aria incorporati nei loro teschi. Mantenere la temperatura corporea adeguata può essere una sfida per i grandi animali e molte creature hanno adattato varie strategie per risolvere il problema. Gli elefanti hanno orecchie grandi per irradiare calore dai vasi sanguigni e possono sbattere le orecchie per creare correnti d’aria di raffreddamento. Alcuni grandi animali trascorrono molto tempo dentro o vicino all’acqua per mantenere la temperatura corporea regolata. Alcuni sono attivi soprattutto di notte quando le temperature sono più basse.

I tirannosauri, d’altra parte, avevano buchi nei loro teschi. Questi buchi, noti come fenestre dorsotemporali, sono stati a lungo pensati per funzionare come enormi ancore per gli enormi muscoli della mascella della creatura. Si pensava che questi muscoli riempissero completamente la cavità quando le creature erano vive. Secondo una nuova ricerca pubblicata su The Anatomical Record, tuttavia, i muscoli non erano l’unica cosa che i tirannosauridi erano stipati nello spazio. Queste fenestre potrebbero aver svolto una duplice funzione fornendo anche importanti capacità di raffreddamento. Gli esperti scrivono:

“Presentiamo numerose linee di evidenza che indicano che una parte considerevole della fenestra dorsotemporale nei coccodrilli, nei dinosauri non aviari e in molti altri lignaggi fossili di archosauri non era interamente muscolare ma probabilmente ospitava tessuti vascolari. Quando i tessuti del tetto del cranio sono stati elaborati in campioni fossili, le prove indicano che i vasi sanguigni trovati nella fossa temporale dorsale erano spesso coinvolti nel supporto delle strutture di visualizzazione cranica dei tessuti molli … e possibilmente dei dispositivi fisiologici vascolari.”