A metà settembre, le bussole di Greenwich indicheranno il vero Nord per la prima volta dopo 300 anni. L’angolo che un ago della bussola produce tra il nord reale e il nord magnetico è chiamato declinazione. Quando il campo magnetico cambia, cambia anche la declinazione ovunque.

Negli ultimi 100 anni, nel Regno Unito, la declinazione è stata negativa, nel senso che tutti gli aghi della bussola hanno indicato il vero nord-ovest. La linea di declinazione zero, chiamata agonica, si sta spostando verso ovest ad una velocità attuale di circa 20 chilometri all’anno.

A settembre 2019, per la prima volta dal 1660, l’ago della bussola punta dritto verso nord vero a Greenwich, a Londra, prima di girare lentamente verso est, secondo una dichiarazione rilasciata dal British Geological Survey.

 

Un po’ di storia

Il Royal Greenwich Observatory fu istituito nel 1676 e, dal 1836, il sito ospitava un osservatorio magnetico specializzato. L’osservatorio ha contribuito a stabilire la definizione di longitudine zero, aprendo la strada a una mappa globale e al sistema di riferimento della navigazione che ora conosciamo come meridiano di Greenwich e, con esso, il Greenwich Mean Time (GMT).

Gli strumenti furono trasferiti nel 1926 ad Abinger, nel sud di Londra, quando l’elettrificazione della ferrovia rese impossibile misurare il campo magnetico a Greenwich. Secondo Ciaran Beggan, scienziato del geomagnetismo al British Geological Survey(BGS), “a settembre, l’agonica troverà zero longitudine a Greenwich. Questo segna la prima volta dalla creazione dell’osservatorio che i sistemi di coordinate geografiche e geomagnetiche coincidono in questa posizione“. Questa continuerà a passare attraverso il Regno Unito per i prossimi 15-20 anni. Entro il 2040, probabilmente tutte le bussole punteranno ad est del vero nord. “Oggi è impossibile prevedere in che modo il campo magnetico cambierà da decenni a secoli, in modo che la bussola possa puntare a est del vero nord per altri 360 anni nel Regno Unito“.

La BGS mantiene il controllo del campo magnetico terrestre e utilizza i dati di osservatori, dei satelliti e delle stazioni da tutto il mondo per monitorare i loro lenti cambiamenti. Nel Regno Unito, la BGS gestisce tre osservatori geomagnetici – a Shetland, Dumfries e Hartland – e gestisce altri sei in tutto il mondo. Il team ha sottolineato che il declino zero a Greenwich non avrà alcun impatto sulla vita di tutti i giorni.

Bussole e GPS funzioneranno normalmente e non dovremo preoccuparci di eventuali interruzioni della vita quotidiana.