Gli scienziati hanno scoperto due nuove specie di anguille elettriche nel bacino amazzonico, una delle quali genera più elettricità di qualsiasi altra creatura vivente sulla Terra. 

Testando la teoria secolare secondo cui esiste solo una specie di anguilla elettrica nella regione della Grande Amazzonia, Carlos David de Santana e il suo team di ricercatori hanno scoperto inizialmente alcune differenze tra le creature raccolte da diverse parti del bacino, suggerendo che facessero parte di una singola specie, l’Electrophorus electricus.  

Tuttavia, ulteriori analisi, inclusi campioni di DNA di 107 nuovi esemplari, hanno identificato due specie aggiuntive: Electrophorus voltai e Electrophorus varii

 

Identikit delle nuove specie di anguille

Si è scoperto, dunque, che la prima era in grado di erogare sobbalzi fino a 860 volt, “rendendola il più potente generatore di bioelettricità conosciuto“, si legge nello studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications. In precedenza si pensava che le anguille elettriche fornissero scosse fino a 650 volt. 

Santana, una zoologa che lavora con il Museo Nazionale di Storia Naturale Smithsonian, e il suo team teorizzano che le tre specie si sono evolute da un antenato comune un milione di anni fa, adattandosi a diversi ambienti. 

I risultati mostrano, hanno detto i ricercatori, che anche le specie cospicue diffuse (le anguille possono raggiungere più di due metri di lunghezza) possono non essere individuate nei “punti caldi della biodiversità della Terra“. 

Santana ha poi affermato che la ricerca “indica che un’enorme quantità di specie è in attesa di essere scoperta nella foresta amazzonica, molte delle quali possono ospitare cure per malattie o ispirare innovazioni tecnologiche“. 

I ricercatori hanno scoperto che le tre specie avevano habitat diversi, visto che ad esempio l’E. elecrtricus vive nella regione dello scudo della Guinea mentre l’E. voltai nello scudo brasiliano più a sud e, infine, l’E. vari risiede nelle acque del bacino di pianura a flusso lento. 

Lo shock particolarmente alto voltaggio di E. voltai potrebbe essere un adattamento a vivere nelle acque dell’altopiano con conduttività ridotta, hanno detto gli scienziati. Le anguille elettriche hanno ispirato il design della prima batteria elettrica di Volta e producono una sostanza usata per trattare le malattie neurodegenerative, hanno spiegato. La loro fisiologia ha recentemente “incoraggiato lo sviluppo di una batteria a idrogel che potrebbe essere utilizzata per alimentare impianti medici“.