allergie alimentari

Ignorare le allergie alimentari può uccidere. Nel luglio 2016, la 15enne Natasha Ednan-Laperouse è morta su un volo British Airway dopo una reazione allergica a una baguette che aveva acquistato all’aeroporto. Non si era accorta che la baguette conteneva sesamo, a cui era gravemente allergica, perché le tavole calde degli aeroporti non sono tenuti a mettere la lista degli allergeni sulle confezioni. Ci sono state altre morti negli ultimi anni, tra cui quella del quindicenne Megan Lee, che è morto dopo aver mangiato un pasto da asporto contenente arachidi.

allergie alimentari

“Le persone si stanno rendendo conto che chi soffre di allergie alimentari può morire”, afferma Leigh George dell’associazione benefica Allergy UK. George, accoglie con favore l’introduzione della legge Natasha, da attuare nel 2021, che imporrà alle imprese alimentari di pubblicare la lista degli allergeni su tutti gli alimenti preconfezionati. Ma esorta il governo a fare di più e ad imporre di elencare tutti gli ingredienti nei loro menu, non solo gli allergeni, in modo che i consumatori possano fare scelte consapevoli.

Cosa si può fare se qualcuno ignora le esigenze dietetiche di qualcuno, al punto da comprometterne la salute? La crescente popolarità delle diete guidate dall’influencer ha reso più difficile prendere sul serio le persone con allergie alimentari serie.  I negozi di alimentari che trattano cibi “senza glutine“, giocano con la salute delle persone. Quando il personale di un  ristorante confonde i veri allergici con i palati più esigenti, se non è bene addestrato, i pasti possono essere facilmente contaminati. Quando hanno allergie specifiche, mangiare fuori può diventare un calvario.

allergie alimentari

 

Le allergie alimentari rendono difficile la socializzazione

Alcune pensano che non ne valga la pena, come Mike Dancer, 53 anni, insegnante Inglese in pensione, che segue una dieta chetogenica per gestire la sua epilessia. “Tendo a viaggiare con scatole Tupperware piene di cibo”, dice Dancer. Una volta, durante una conferenza internazionale in Italia, non fu in grado di mangiare nessuno dei cibi forniti, quindi semplicemente non mangiò per cinque giorni.

Avere esigenze dietetiche specifiche è spesso socialmente isolante“Può sconvolgere la tua vita”, dice George. “Quando la maggior parte di noi dà per scontato di uscire fuori a cena, chi ha allergie alimentari deve mettere in conto che quel pasto possa ucciderlo”. Rende la socializzazione estremamente difficile e stressante. “La vita è molto più semplice quando tutti rispettano le tue esigenze alimentari”.