Un nano rivestimento che intrappola la luce, rendendola dieci volte più scuro e impenetrabile di qualsiasi cosa si sia mai prodotta prima. Gli scienziati del Massachusetts Institute of Technology hanno ricavato questo materiale dai nanotubi, piccoli frammenti di carbonio 50.000 volte più piccoli della larghezza di un capello umano.

nano rivestimento

I ricercatori sostengono, che il materiale potrebbe essere utilizzato per creare opere d’arte o per aiutare i telescopi spaziali a individuare galassie distanti filtrando la luce diffusa che blocca l’obiettivo. “Esistono applicazioni di scienze ottiche e spaziali per materiali molto neri”, ha affermato il professor Brian Wardle, autore principale della ricerca. “E, naturalmente, gli artisti sono sempre stati interessati al nero, come accadeva prima del Rinascimento”.

Per testare il nano-rivestimento, gli scienziati lo hanno stratificato su un diamante da 16 carati del valore di 1,6 milioni di dollari, in una mostra d’arte a New York. Le immagini hanno rivelato la gemma, di solito un giallo brillante, completamente scomparsa in un nero vuoto e piatto, una volta aggiunto il rivestimento. Il materiale è stato realizzato su un foglio di alluminio utilizzando una serie complessa di processi chimici.

nano rivestimento

 

Il “nero più nero” oggi sulla Terra

Ulteriori test hanno dimostrato che ha assorbito oltre il 99,995 per cento della luce in entrata, da ogni angolo. Ciò significa che è persino più scuro di vantablack, a lungo ritenuto il materiale più nero sulla Terra. “Il nostro materiale è 10 volte più nero di qualsiasi cosa sia mai stata esistita”, ha affermato il professor Wardle.

Ha aggiunto che si aspetta che gli scienziati immaginino una sostanza ancora più nera in futuro. “Penso che il nero più nero sia un obbiettivo in costante movimento. Qualcuno troverà un materiale più nero e alla fine capiremo tutti i meccanismi sottostanti e saremo in grado di progettare correttamente il nero finale“.