zona ibrida

Una zona ibrida precedentemente sconosciuta, lungo la costa della California e del sud dell’Oregon, è oggetto di una ricerca appena pubblicata su The Auk: Ornithological AdvancesDi solito pensiamo che una specie sia isolata dal punto di vista riproduttivo, cioè non si accoppi con altre specie allo stato brado. Occasionalmente, può succedere che si incrociano specie strettamente correlate. Due colibrì di uccelli strettamente collegati, Allen’s Hummingbird e Rufous Hummingbird, stanno confondendo i confini delle specie. I ricercatori sperano che studiare casi come questo possa migliorare la loro comprensione di come viene creata e mantenuta la biodiversità.

zona ibrida

Una zona ibrida è un’area in cui gli intervalli di due specie, strettamente correlate, si sovrappongono e si incrociano tra loro. Per mappare l’estensione della zona ibrida del colibrì nel nord della California e nel sud dell’Oregon, Brian Myers della San Diego State University e i suoi colleghi hanno raccolto dati sui tratti somatici e sul comportamento di corteggiamento di oltre 300 colibrì. La maggior parte dei maschi riproduttori, appartenenti alla zona ibrida, presentava un mix di caratteristiche delle due specie.

I maschi di colibrì eseguono acrobazie aeree durante le quali le loro penne della coda producono vari suoni. I ricercatori hanno catturato i colibrì usando trappole nelle mangiatoie, mantenendo temporaneamente le femmine in gabbie, dove hanno attirato l’attenzione dei maschi territoriali. “A volte gli uccelli mi superano in astuzia, ​​dice Myers. “Visitano una mangiatoia solo quando la trappola non è presente, o non eseguiranno il corteggiamento verso il colibrì femminile che sto portando in giro, e questo può rendere la ricerca molto lenta.

zona ibrida

 

La biodiversità continua a diversificare le nuove specie

L’area in cui si incrociano i colibrì Allen e Rufous si estende per oltre 300 chilometri lungo la costa del Pacifico e 90 km nell’entroterra, e potrebbe avere implicazioni per il futuro della specie. “Quando una zona ibrida è così grande, e quando una delle specie ibridanti ha una portata così piccola come il Colibrì di Allen, aumenta la possibilità che i geni del colibrì di Rufous li superino nella popolazione”, afferma Myers.

“Poiché la biodiversità continua a scendere, è più importante che mai capire come si formano le nuove specie e cosa ne mantiene le barriere: esiste un certo habitat o altre risorse che richiedono protezione? È più legato alla selezione sessuale? Le zone ibride sono lo strumento ideale con cui studiare questo “.