cintura-extraterrestre

Un team di scienziati statunitensi ha scoperto una sorta di portale orbitale attraverso il quale passano le comete prima che si avvicinino al Sole. Una nuova ricerca ha rivelato che potrebbe alterare radicalmente la comprensione scientifica del movimento di questi corpi.

Secondo la ricerca, questa scoperta può aiutare a capire come le comete giungono dalla periferia del Sistema Solare e vengono quindi incanalate nel Sistema Solare interno, dove si avvicinano alla Terra e al Sole.

I risultati dello studio, resi disponibili sul portale arXiv, sono stati pubblicati su Astrophysical Journal Letters.

 

Un portale verso l’ignoto

Il portale, da cui passeranno le comete prima di dirigersi verso il sistema solare interno, è stato scoperto grazie ad una simulazione di centauri, piccoli corpi ghiacciati che viaggiano in orbite caotiche tra Giove e Nettuno.

Il team dell’Università della Florida centrale negli Stati Uniti era guidato da Gal Sarid, che ha modellato l’evoluzione dei corpi oltre l’orbita di Nettuno, attraverso il pianeta gigante e nell’orbita di Giove.

Questi corpi congelati sono considerati tracce quasi immacolate di materiale sin dalla nascita del Sistema Solare. Per molto tempo, la comunità scientifica ha discusso il percorso delle comete dalla loro posizione iniziale al sole.

In che modo le nuove comete, controllate dall’influenza di Giove, sostituiscono quelle perdute? Dov’è la transizione dal risiedere nel Sistema Solare esterno, come piccoli corpi dormienti, a diventare attivi all’interno del Sistema Solare?“, si chiede Sarid, che è anche il principale investigatore dello studio. Tutte queste domande sono rimaste un mistero – fino ad ora. “Quello che abbiamo scoperto, il modello di gateway come ‘culla delle comete’ cambierà il modo in cui pensiamo alla storia dei corpi congelati“, ha spiegato.

 

La vita diffusa delle comete

Si ritiene che i centauri siano “nati” nella regione della Cintura di Kuiper oltre Nettuno e sono considerati la fonte delle Jupiter Family Comets (JFC), che occupano il sistema solare interno. La natura caotica delle orbite dei centauri oscura i percorsi esatti, rendendo difficile prevedere il loro futuro come comete.

Inizialmente, la ricerca mirava a studiare la storia di un particolare centauro, 29P/Schwassmann-Wachmann 1 (SW1). Questo corpo di medie dimensioni, con un’orbita quasi circolare dopo Giove, ha incuriosito a lungo gli scienziati a causa della sua alta attività e frequenti esplosioni.

Da questo centauro, il team ha voluto esplorare se le circostanze di SW1 fossero coerenti con la progressione orbitale degli altri centauri, ha spiegato Sarid. “Più di uno su cinque centauri che abbiamo rintracciato sono stati trovati in un’orbita simile a SW1 ad un certo punto della loro vita“, ha detto Maria Womack, scienziata del Florida Space Institute e co-autore dello studio. “Invece di essere un outlier peculiare, SW1 è un centauro catturati in atto di evolvere dinamicamente per JFC. 

I centauri che attraversano questa regione sono la fonte di oltre i due terzi di tutti i JFC, rendendola la porta principale attraverso la quale vengono prodotte queste comete.

L’esistenza di questo portale fornisce un mezzo molto ricercato per identificare i centauri su un percorso imminente verso il Sistema Solare. Attualmente, SW1 è il più grande e più attivo dei pochi oggetti mai scoperti in questa regione. Proprio per questo, ha concluso Sarid, questo organo è il “candidato principale [per studiare] in modo che sia possibile avanzare nella conoscenza delle transizioni orbitali e fisiche che modellano la popolazione di comete che vediamo oggi“.