melanoma

I pazienti con un tumore della pelle che una volta erano considerati non curabili possono oggi vedere aumentare le loro probabilità di sopravvivenza del 50% grazie ad un doppio “cocktail” di farmaci, secondo uno studio. Assumere insieme del ipilimumab, commercializzato come Yervoy, e nivolumab, noto come Opdivo, sono molto efficaci nell’arrestare o invertire la progressione del melanoma avanzato. Entrambi i farmaci aiutano il sistema immunitario a trovare e distruggere le cellule tumorali mentre si diffondono.

 

I due farmaci costituiscono una nuova speranza per i pazienti affetti da melanoma in stadio avanzato

Il professor James Larkin, consulente oncologo medico presso il Royal Marsden NHS Foundation Trust e professore presso l’Institute of Cancer Research, ha dichiarato: “Somministrando insieme questi farmaci si stanno effettivamente eliminando due freni dal sistema immunitario anziché uno, in modo che esso sia in grado di riconoscere i tumori che in precedenza non riconosceva, reagire e distruggerli“.

melanoma

Un decennio fa, solo un paziente su venti malato di melanoma allo stadio avanzato sarebbe sopravvissuto, peraltro per un massimo di solo nove mesi. Il professor Larkin ha poi dichiarato: “In passato il melanoma metastatico era considerato non trattabile. Gli oncologi consideravano il melanoma diverso dagli altri tumori: non poteva essere curato una volta diffuso. Questa è la prima volta che possiamo dire che le possibilità di sopravvivere al melanoma sono oltre il 50%, il che rappresenta una passo enorme“.

 

La malattia non era considerata curabile, ma ora molte vite potrebbero essere salvate

I pazienti che hanno preso parte allo studio sono stati divisi in tre gruppi: al primo, con 314 partecipanti sono stati somministrati entrambi i farmaci; un altro gruppo di 316 persone ha ricevuto Opdivo con un placebo; altre 315 persone hanno assunto Yervoy e un placebo. La sopravvivenza globale per i gruppi che hanno assunto insieme Yervoy e Opdivo è stata rispettivamente del 44% e del 26%. Di questi pazienti, il 74% ha resistito per cinque anni e il risultato è stato altrettanto buono per le persone che hanno interrotto il trattamento in anticipo a causa di effetti collaterali come eruzioni cutanee, diarrea e affaticamento.

melanoma

Tuttavia, Larkin ha sottolineato che attualmente non esiste un metodo sicuro che sia in grado di prevedere quali pazienti abbiano maggiori probabilità di beneficiare dell’immunoterapia di combinazione. Ha in proposito aggiunto: “I due farmaci combinati hanno sicuramente un ruolo importante nel trattamento del melanoma metastatico e saranno la scelta migliore per alcuni pazienti. Per altri, la decisione potrebbe essere quella di somministrare i farmaci in sequenza“.