Cina

La Cina ha organizzato la parata militare più grande di sempre, per celebrare il 70° anniversario del Partito Comunista, mostrando per la prima volta il 40% degli armamenti  in suo possesso. La parata ha coinvolto 15.000 truppe di 59 unità, 47 di terra e una dozzina di squadroni aerei, mostrando come le più grandi forze armate del mondo siano state modernizzate nei sette anni da quando il presidente Xi Jinping ha preso il comando.

Cina

Xi, che presiede anche la Commissione Militare Centrale, ha ispezionato 580 nuovi armamenti. Gli analisti hanno notato che quasi tutti sono stati fabbricati in Cina, poiché la sua industria militare è diventata pressoché autosufficiente. Le armi che hanno attirato l’attenzione generale sono stati il Dongfeng, o “East Wind”, una serie di sistemi missilistici, che includevano il missile balistico ipersonico DF-17, i missili a medio raggio DF-16 e DF-26 e i missili balistici intercontinentali DF-31AG e DF-41.

Il DF-17, che ha un veicolo a scorrimento ipersonico, è in grado di sganciare carichi sia convenzionali che nucleari. Secondo quanto riferito, il veicolo a scorrimento ipersonico del DF-17, può viaggiare molto al di sopra della velocità del suono e penetrare negli scudi missilistici statunitensi. Il commentatore militare di Hong Kong Song Zhongping ha affermato che il missile balistico potrebbe colpire con precisione un obiettivo all’interno della cosiddetta prima catena di isole cinesi che abbraccia Okinawa, Taiwan e le Filippine, che Pechino vede come una linea di difesa, in particolare contro la presenza militare americana nella Regione.
 
Cina
 
 

La prospettiva di una nuova guerra fredda

“La corsa alla tecnologia militare sta diventando più intensa e la Cina sta cercando di recuperare e mettere più risorse in armi ipersoniche come il DF-17 dal momento che gli Stati Uniti, la Russia e altri paesi stanno tutti cercando di farlo”, ha detto Zhongping. Anche i missili balistici intercontinentali cinesi hanno attirato l’attenzione. La versione da terra del DF-31AG, così come il JL-2, o “Big Wave”, lanciati da sottomarini che possono raggiungere obiettivi diversi, e un DF-41 mobile di nuova generazione, un missile a capacità nucleare.

Il DF-41 ha la gamma più lunga della serie Dongfeng da 12.000 km a 15.000 km, il che significa che può raggiungere qualsiasi posizione sulla Cina continentale dalla Cina. Può essere equipaggiato con un massimo di 10 veicoli di rientro multipli, ciascuno contenente più testate nucleari. Rory Medcalf, capo del National Security College della Australian National University di Canberra, ha preso atto della sua inclusione nella parata, dicendo in un tweet che “Far sfilare missili nucleari per le strade, è lo spettacolo finale dell’insicurezza e del pensiero di una guerra fredda.