amministrazione Trump

L’amministrazione Trump, ha intenzione di aprire più della metà delle foreste nazionali di Tongass, in Alaska, all’industria forestale. Il che potrebbe minacciare la fauna selvatica e le popolazioni indigene, nonché una delle più grandi riserve di carbonio del mondo. Ma, la Earthjustice, organizzazione no profit che si occupa di controversie ambientali, ha già minacciato una forte opposizione al progetto. Nel 2001, il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, decise di emanare un decreto per inserire Tongass nella Roadless Rule.

amministrazione Trump

La Roadless Rule, è una politica conservativa che proibisce la costruzione di strade e la deforestazione. Si applica ad oltre 58 milioni di acri di terre federali, inclusi 9,2 milioni di acri di Tongass nel sud-est dell’Alaska. Il rollback preferito del presidente Trump a Tongass, è quello di eliminare tutti i 9,2 milioni di acri inventariati, e convertire 185.000 acri in terre di legname. La National Wildlife Federation ha definito la proposta “un abominio ecologico”. Quest’ultima azione, da parte dell’amministrazione Trump, danneggerà irreparabilmente i bacini idrografici locali, le popolazioni di pesci e animali selvatici e la robusta economia ricreativa della regione, secondo Collin O’Mara, presidente del gruppo.

Anche altri sostenitori della protezione ambientale hanno condannato la mossa dell’amministrazione Trump. Niel Lawrence, Direttore dell’Alaska per NRDC., ha affermato: “Una crisi climatica globale richiede l’adozione urgente di misure di conservazione, l’amministrazione Trump vuole fare il contrario e distruggere alcune delle terre selvagge più incontaminate del nostro paese”. Mentre, Randi Spivak, direttore delle terre pubbliche presso il Center for Biological Diversità, ha aggiunto: “Eliminare gli alberi di vecchia crescita rimasti a Tongass, rilascerebbe significative quantità di carbonio nell’atmosfera e peggiorerebbe le cose”.

amministrazione Trump

 

Specie e comunità locali a rischio

Tongass, è l’habitat naturale del 40% del salmone selvatico della West Coast, ed è stato usato per generazioni da popolazioni indigene. “La più grande foresta nazionale d’America”, ha affermato l’NRDC. Tongass, ospita specie come il lupo dell’Arcipelago di Alexander e molti altri che dipendono dalle sue maestose foreste antiche. Così anche le comunità indigene locali, che fanno affidamento su queste terre incontaminate per la caccia tradizionale, la raccolta e le pratiche culturali.

L’USDA e i membri del Congresso repubblicano dell’Alaska sostengono che, consentire all’industria il disboscamento di terra protetta favorirà l’economia dello stato, ma fornisce meno dell’uno per cento del lavoro nel sud-est dell’Alaska. La lavorazione del pesce e il turismo, attività principali a Tongass, forniscono rispettivamente l’8 e il 17% dei posti di lavoro nell’area. La linea di fondo è, che l’amministrazione Trump, dovrà affrontare un pesante onere per giustificare questa prospettiva.