plastica

La plastica sta facendo nascere un nuovo problema da affrontare per i paesi ricchi. Dove si metteranno tutti i rifiuti ora che la Cina non li vuole più? Per anni, l’America, (come quasi tutti i paesi industrializzati), ha venduto milioni di tonnellate di plastica alla Cina, per essere riciclati in nuovi prodotti. Circa il 70% dei rifiuti del mondo è andato in Cina, che equivalgono a 7 milioni di tonnellate all’anno. Per capire la situazione attuale, dobbiamo tornare indietro nel tempo di un paio di decenni.

plastica

Nel 1995, Zhang Yin, un’imprenditrice cinese, avviò una società di riciclaggio di carta in Cina, chiamata Nine Dragons. La Cina, a quei tempi, aveva bisogno di riciclare carta e plastica per i suoi prodotti. Yin, intuì i profitti che sarebbero scaturiti, e acquistò il mercato. Martin Bourque, che gestisce una delle più grandi organizzazioni di attivisti per il riciclaggio negli Stati Uniti, Ecology Center di Berkeley, in California, afferma: “C’erano broker in tutto il mondo che acquistavano ogni pezzo che riuscivano a trovare e ne pagavano il massimo”.

I porti della West Coast, negli Stati Uniti, erano pieni di container cinesi vuoti, venuti per consegnare merci ai consumatori americani. “Quindi approfittavano di questi container per inviare rifiuti via mare”, afferma Bourque. Per i riciclatori americani, era un affare troppo allettante per rinunciare. Ma, molta della plastica inviata alla Cina non era riciclabile, e alla fine ha finito solo per saturare il processo.

plastica

 

L’Asia sta prendendo consapevolezza di non poter gestire i rifiuti dell’occidente

La Cina aveva molta capacità di gestire materie plastiche, e molti lavoratori a basso costo per separare i materiali riciclabili da quelli non riciclabili. Ciò nonostante, circa cinque anni fa, il governo cinese ha iniziato a preoccuparsi di tutta questa spazzatura in arrivo. Molti rifiuti erano contaminati da materiale che ha reso difficile e costoso il riciclaggio: carta, rifiuti alimentari, e involucri delle bibite (che non sono riciclabili). Questa plastica era difficile da riciclare e quindi non redditizia da importare.

Nel 2017 il governo Cinese ha iniziato a ridurre le importazioni di plastica. A gennaio 2018, è scoppiata la bomba: il divieto di tutte le importazioni. L’anno scorso, la Cina ha assorbito meno dell’1% della plastica del mondo. Ciò significa che un’enorme quantità di plastica è alla ricerca di un posto dove andare. Nel frattempo, le spedizioni di rifiuti verso altri paesi del sud-est asiatico sono salite alle stelle. Le esportazioni dagli Stati Uniti alla Thailandia, sono aumentate di quasi il 7000% in un anno. La Malesia sta facendo la stessa fine. È improbabile che queste nuove destinazioni durino. Il Vietnam e la Malesia stanno già riducendo le importazioni di rifiuti di plastica perché sono sopraffatti. Gli esperti di riciclaggio affermano che è tempo di fare i conti, per il loro settore e che i paesi ricchi, che devono smettere di produrre plastica non riciclabile.