Prosegue la corsa alla scelta del nome per il sistema planetario HD102195 con “la finale del concorso NameExoWorlds. Dopo aver proposto nei mesi scorsi alcuni possibili nomi ed aver suggerito storie che potessero appartenere a questa stella e al suo pianeta, è ora giunto il momento di scegliere quello più idoneo.

Tra le tante proposte giunte al sito di NameExoWorlds, sono state selezionate le tre opzioni più adatte per il nome di questa lontana stella, poco più piccola e fredda del Sole e del gigante gassoso, con atmosfera di vapore acqueo e metano, che le orbita attorno.

 

NameExoWorlds: così la IAU festeggia il suo centenario

L’Unione Astronomica Internazionale (IAU), ha in genere il compito di nominare i corpi celesti ed aggiornare i registri. Ma, nonostante i rigidi protocolli, quest’anno la IAU, per festeggiare la ricorrenza del suo centenario, ha deciso di indire un concorso in cui sarà il pubblico a scegliere i nomi dei corpi celesti. Il concorso NameExoWorlds è stato indetto il 7 Giugno scorso, e coinvolge 80 paesi diversi, tra cui l’Italia, a cui è stata assegnata una stella con un sistema planetario in cerca di nome, il sistema della stella conosciuta come HD 102195.

 

Ecco il sistema planetario affidato all’Italia

HD 102195 è una stella con un periodo di rotazione di soli 12 giorni. La sua distanza dalla Terra (95 anni luce) rende impossibile vederla ad occhio nudo, ma la si può osservare con il telescopio. Attorna ad essa orbita HD 102195b, un gioviano caldo, ovvero un pianeta gassoso di massa simile a quella di Giove, ma più caldo, scoperto nel 2005. La sua temperatura è dovuta alla sua maggiore vicinanza alla sua stella e si aggira attorno ai 700°C. Inoltre il fatto di trovarsi così vicino alla stella fulcro, fa si che un anno su HD 102195b duri solo 4 giorni.

 

La commissione italiana ha scelto le tre proposte finaliste

Alla commissione del concorso NameExo Worlds, sono giunte oltre 600 proposte, divise in tre categorie: under 14, over 14 e astrofili/astronomi. Tra questa miriade di opzioni, la commissione ne ha selezionate soltanto tre, tra le quali saremo poi noi a scegliere quella definitiva, votando sul sito del concorso.

Le tre proposte scelta dalla commissione riguardano nomi ispirati alla mitologia greca e classica, come anche alla tradizione popolare italiana:

  • alla mitologia greca, ripresi da Dante nella Divina Commedia, si ispirano i nomi di Flegetonte, il fiume di fuoco scelto per la stella che, nell’immaginario comune, viene sempre assimilata ad una palla di fuoco, e Lete, il fiume dell’oblio composto da nebbie scelto per il pianeta in quanto ricorda la sua composizione gassosa.
  • Aureus, la moneta d’oro che rappresenta la stella, e Denarius, la moneta d’argento, del valore di 1/25 di aureo, scelta per rappresentare il pianeta, sono invece due nomi che traggono ispirazione dall’antica Roma e dal suo sistema monetario.
  • Mentre la terza opzione nasce dalle maschere della Commedia dell’Arte Italiana, ovvero Pulcinella, una maschera tradizionale napoletana la cui solarità richiama il calore della stella, e Arlecchino, maschera tradizionale bergamasca dal costume multicolore che richiama le caratteristiche gioviane dell’esopianeta.

 

Ecco come votare per la scelta finale di NameExoWorlds

È giunto quindi il momento di votare e per farlo basta accedere al sito altrimondi.inaf.it/iau100/ne-restera-solo-uno/, sul quale si trovano le istruzioni ed il link al Google Form da compilare con la propria scelta e l’indirizzo e-mail. È consentito esprimere una sola preferenza ed una sola volta, e si avrà tempo fino al 10 Novembre. Una volta scaduto questo termine, coloro che hanno partecipato alla votazione riceveranno il risultato finale con il nome del vincitore. La proposta finale sarà poi tradotta in inglese ed inviata alla IAU che darà il suo parere finale.