serpenti-marini

Un famoso sito di immersione in Nuova Caledonia, chiamato Baie des Citrons, è pieno di grandi serpenti velenosi (Hydrophis major). La scoperta è stata fatta da un gruppo di donne di 60 e 70 anni che hanno fornito agli scienziati fotografie dei loro incontri con questi animali.

Claire Goiran, dell’Università della Nuova Caledonia, e Rick Shine, della Macquarie University in Australia, studiano questo serpente dalla testa di tartaruga da 15 anni. Tra le loro scoperte c’è il fatto che le macchie scure sulla pelle assorbono i metalli pesanti, che il serpente scarica quando si libera dalla pelle stessa. Inoltre, questi serpenti stanno diventando più scuri a causa di un maggiore inquinamento.

Goiran e Shine hanno anche trovato serpenti marini più grandi, che possono crescere fino a 1,5 metri nelle stesse acque. Tuttavia, sono pochi ancora gli avvistamenti. Anche quando la loro ricerca era specifica e assidua, ne sono stati rilevati solo 10 all’anno. Ora questo gruppo di esperti ne ha scoperti addirittura 250.

 

Una scoperta tutta al femminile

Le sette donne del team, che nuotano regolarmente nella baia e si definiscono “nonne fantastiche”, hanno iniziato a portare le macchine fotografiche in acqua e hanno inviato agli scienziati le fotografie dei più grandi serpenti che hanno trovato.

I segni dei serpenti marini sono così distinti che gli individui possono essere facilmente identificati. Goiran e Shine hanno compilato un album di 249 serpenti, molto più del previsto. “Sorprendentemente, abbiamo trovato un gran numero di serpenti letalmente tossici in una piccola baia che è occupata quotidianamente da orde di gente del posto e passeggeri di navi da crociera – ma nessun morso della specie è mai stato registrato a Baie des Citrons, a testimonianza della loro disposizione benevola” ha dichiarato Shine.

Ho studiato serpenti marini a Baie des Citrons per 20 anni e pensavo di averli capiti molto bene – ma questo team mi ha mostrato quanto mi sbagliassi”, ha detto Goiran. L’incredibile energia dei nonni e l’intima familiarità con l’area di studio hanno trasformato la nostra comprensione dell’abbondanza e dell’ecologia dei serpenti marini in questo sistema. È un grande piacere e un privilegio lavorare con loro“.

La natura stagionale del modello riproduttivo del serpente è stata pubblicata questo mese sulla rivista specializzata Ecosphere. Goiran afferma che questo va oltre la conoscenza di qualcuno dei suoi parenti stretti.