città-del-futuro

Le peggiori paure sulla “città del futuro” pianificata dai Sidewalk Labs di Google sembrano essere confermate, dimostrando che c’è anche motivo di preoccupazione per il percorso seguito nel progetto pilota dell’azienda a Toronto.

Sidewalk Labs, una divisione di Google/Alphabet, dedicata alle città del futuro, promette una gestione più efficiente dei comuni, utilizzando tutti i tipi di raccolta di dati per ottimizzare il loro funzionamento: sapere dove si trovano le persone, ottimizzare le linee di trasporto pubblico, rilevare potenziali problemi prima che diventino problemi, ecc.

Ma, nel frattempo, sono state sollevate alcune preoccupazioni, apparentemente giustamente, dopo che nel 2018 CNBC ha rivelato un documento segreto di Sidewalk Labs che dettagliava i piani della società, tra cui quella che potrebbe essere considerata una città sotto il pieno controllo delle aziende private.

 

Come potrebbe essere la città del futuro

Il documento di 437 pagine, noto internamente come “Libro giallo“, descrive in dettaglio i piani di Sidewalks per il Canada Waterfront Toronto, un’agenzia governativa per il rilancio, per pilotare la visione utopica di Google di un progetto pilota per la città del futuro.

Questi piani di controllo della vita privata in città includono l’istruzione, le autorità fiscali, la rete di trasporto, le forze di sicurezza e persino le autorità giudiziarie privatizzate, in un ecosistema in cui sarebbe mantenuto un monitoraggio costante di tutti i cittadini.

In questa città utopica, chiunque non accetti di condividere le proprie informazioni private sarà penalizzato, senza accesso ai servizi di trasporto e classificato in fondo alla scala di un sistema di “punteggio sociale” attribuito a ciascun cittadino, che ha avuto accesso al documento.

Considerando che Google ha da tempo rimosso dalle sue regole la famosa frase che l’ha contraddistinto per anni, Don’t be evil, i piani di Sidewalk Labs non ispirano molta fiducia nel futuro, in particolare per i cittadini che hanno letto Orwell e ricordano che Il Grande Fratello non è uno spettacolo televisivo.

https://youtu.be/LGXimeiWoJY