ambiente-inospitale

Dove c’è acqua, c’è vita, dicono. Ma gli scienziati hanno trovato prove per suggerire il contrario in uno degli ambienti più estremi e inospitali della Terra: le sorgenti geotermiche di Dallol nella depressione di Danakil in Etiopia.

Il paesaggio di Dallol è una vibrante tavolozza di colori punteggiata da laghi con crateri di acqua iperacida e ipersalina. A prima vista, sembra un luogo di bellezza unica, ma la verità è che non è conveniente avvicinarsi troppo.

È questo ambiente estremo che ha sempre reso questa area di grande interesse per gli scienziati. Nel 2016, una spedizione ha cercato di capire cosa – se non altro – potrebbe abitare in ambienti strani e ostili. I risultati di questa ricerca, pubblicati solo pochi mesi fa, mostrano le prime prove di vita tra fonti calde e acide: “microrganismi ultra-piccoli” che misurano in nanometri.

 

La nuova ricerca

Ma ora un nuovo studio opera di un altro team di ricercatori, pubblicato sulla rivista Nature Ecology & Evolution, contesta l’apparente scoperta, o almeno la sua rilevanza.

I ricercatori hanno utilizzato una varietà di metodi analitici per analizzare una vasta gamma di campioni prelevati da quattro zone del complesso geotermico di Dallol in tre spedizioni tra il 2016 e il 2018.

Mentre hanno rilevato prove della vita basata sugli arcaea e segni di quelle che potrebbero essere sequenze di geni batterici, il team afferma che la maggior parte di questi risultati è probabilmente un errore. “La maggior parte di essi era correlata al noto kit di biologia molecolare e ai contaminanti di laboratorio, mentre altri erano batteri correlati all’uomo probabilmente introdotti durante intense visite in loco e visite turistiche“, spiegano gli autori nel loro articolo. “Abbiamo identificato due principali barriere fisico-chimiche che impediscono alla vita di prosperare in presenza di acqua liquida sulla Terra e potenzialmente altrove, sebbene la presenza di acqua liquida sulla superficie di un pianeta sia un criterio ampiamente accettato per l’abitabilità“, spiegano.

Una di queste barriere sono le salamoie dominate dal magnesio, che inducono le cellule a decomporsi attraverso un processo noto come caotropicità; l’altro è un certo livello tossico di un’intensa combinazione iperacido-ipersalina, che suggerisce che “adattamenti molecolari a pH molto basso e livelli estremi di sale elevati sono incompatibili oltre questi limiti“.

Secondo Science Alert, è chiaro che l’assenza di prove non è una prova di assenza, vale a dire solo perché un ampio campionamento non ha rivelato forme di vita più complesse dei microfossili non dimostra che non ci siano.

Ma fino a quando un’analisi più solida non può indicare in modo convincente il contrario, gli autori sono sicuri che le canzoni più inospitali di Dallol siano incapaci di vivere.