malaria

Tutto è iniziato con un progetto scolastico tenuto presso una scuola elementare britannica, frequentata dai figli del ricercatore Jake Baum, una delle personalità più eminenti per quanto riguarda la ricerca sulla malaria. L’iniziativa era nata con lo scopo di insegnare ai bambini la differenza tra un rimedio a base di erbe e la vera e propria medicina. “Se mia mamma o mia nonna dicessero che questa pietanza mi farà stare meglio, e qualcun altro sostenesse che questa fosse solo un placebo, come reagiremmo?” si è chiesto Baum, peraltro docente presso l’Imperial College di Londra.

Baum continua: “Il progetto della zuppa è nato proprio reggendosi su questa domanda. Abbiamo chiesto ai bambini della scuola di portare la zuppa tradizionale che la loro famiglia avrebbe preparato nel caso qualcuno a casa non si sentisse bene e sono arrivate sessanta zuppe, tutte incredibilmente diverse“. I bambini della scuola frequentata dai figli di Baum provengono infatti da Europa, Medio Oriente e Nord Africa. Tutti avrebbero dovuto presentare zuppe a base di vegetali, di carne o di pollo, a seconda della loro tradizione familiare.

 

Baum cerca un rimedio per la malaria da tutta la sua vita e questa potrebbe essere una buona occasione

Grazie al lavoro dei bambini, Baum è stato in grado di catalogare 56 zuppe, che ha poi studiato in laboratorio per verificare le loro proprietà medicinali. Il vero scopo del test, però, era quello di individuare una preparazione che fosse in grado di rispondere ai sintomi della malaria, malattia a cui Baum sta dedicando tutto il suo lavoro di ricerca. Baum e il suo team dell’Imperial College studiano infatti alcune delle specie più letali di parassiti responsabili della malaria, chiamati P. falciparum, causa del 99% dei decessi.

malaria

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, nel 2017 ci sono stati 219 milioni di casi di malaria trasmessi da zanzare infette, colpendo 87 paesi. Quell’anno ci sono stati 435.000 morti. “Ogni anno, quasi mezzo milione di bambini muore di malaria“, ha detto Baum e la maggior parte ha meno di cinque anni. “Attualmente siamo ad un bivio circa il controllo sulla malaria. Abbiamo fatto molti progressi nel ridurre il numero di decessi dall’inizio del millennio, ma abbiamo in qualche modo raggiunto un punto morto, proprio quando sono emersi alcuni preoccupanti segnali di resistenza ai farmaci della malattia“.

 

La zuppa contrasta sorprendentemente bene lo sviluppo del parassita responsabile della malattia

Inizialmente, Baum e il suo team non avevano in programma di eseguire tutti e 56 i test, perchè nessuno si aspettava che una zuppa fosse in grado di contrastare un parassita responsabile della malaria. “Abbiamo pensato di provare e basta“, ha detto Baum. “senza troppo pretese, ma siamo rimasti piuttosto sorpresi quando abbiamo notato che alcune zuppe reagivano molto bene al contatto col parassita“. In effetti, cinque delle 56 zuppe hanno bloccato la crescita dei parassiti nel sangue di circa il 50%.

Una delle più efficaci era una zuppa vegetariana fermentata a base di cavolo“, ha aggiunto Baum. “Una delle sfide più importanti“, ha proseguito, “è comprendere la capacità di alcune piante di produrre sostanze estremamente complesse, che la scienza non può ancora sintetizzare; ma questo non dovrebbe impedirci di guardare oltre. Potrebbero esserci ancora medicine da scoprire e non dovremmo scartare le conoscenze derivanti dalla medicina ‘amatoriale’ “.