morbillo

Oltre ai sintomi già noti, il morbillo fa dimenticare al sistema immunitario come combattere altre infezioni – e quest’effetto potrebbe durare per anni. Questo è ciò che indicano gli studi recentemente pubblicati su Science and Science Immunology.

Sapevamo che questo virus stava distruggendo alcune unità di difesa, ma si pensava che fosse un effetto temporaneo“, afferma Michael Mina, epidemiologo dell’Università di Harvard negli Stati Uniti e autore di uno dei documenti. “Ora abbiamo scoperto che può cancellare molto della memoria del sistema immunitario per molto tempo“, aggiunge.

I risultati precedenti del gruppo seguito da Mina hanno dimostrato un rischio più elevato di morte per altre infezioni per due o tre anni dopo un’infezione da morbillo. Ma cosa lo spiegherebbe?

 

Lo studio

Il nuovo esperimento ha valutato gli anticorpi di 77 bambini non vaccinati prima e due mesi dopo la contrazione della malattia. Da lì, c’è stata una perdita dell’11-73% nella concentrazione di queste molecole, che sono prodotte per combattere le malattie.

Ecco un addendum. Ogni tipo di anticorpo prende di mira un’infezione specifica e viene prodotto dopo un iniziale contatto con il corpo. Le cellule di difesa responsabili della produzione “tengono presente” questi nemici in modo che, in un futuro contatto, generino rapidamente anticorpi in grado di espellerli prima che scatenino i sintomi.

Bene, nell’ambito di tale indagine, le scimmie sono state infettate dal morbillo. Cinque mesi dopo, hanno continuato ad avere livelli di anticorpi dal 40 al 60 percento più bassi contro altri virus e batteri. Ciò suggerisce che questa malattia distrugge tali cellule che le producono, causando una sorta di amnesia immunitaria.

Il tempo prolungato per il recupero è ciò che attira maggiormente l’attenzione sul lavoro. Non l’abbiamo notato in pratica in passato, quando si è verificata un’epidemia di morbillo”, commenta Renato Kfouri, presidente del Dipartimento scientifico di immunizzazioni.