142 nuovi geoglifi che rappresentano persone, animali e altri esseri sono stati scoperti nelle famose linee superficiali di Nazca e dei suoi dintorni in Perù. Situati principalmente a ovest della Pampa di Nazca, questi nuovi geoglifi sono stati identificati dal lavoro sul campo e dall’analisi dei dati 3D ad alta risoluzione, tra le altre attività svolte fino al 2018.

Si ritiene che i geoglifi biomorfi risalgano almeno dal 100 a.C. al 300 d.C., secondo il gruppo di ricerca, guidato da Masato Sakai, professore presso il Dipartimento di Antropologia culturale e archeologia andina dell’Università di Yamagata in Giappone.

Inoltre, secondo una dichiarazione pubblicata dall’università, in uno studio di fattibilità 2018-2019 in collaborazione con IBM Japan, l’università ha scoperto un nuovo geoglifo sviluppando un modello di intelligenza artificiale sul server IBM Power System AC922, configurato con la piattaforma di apprendimento profondo IBM Watson Machine Learning Community Edition.

Una moltitudine di esseri viventi è rappresentata in questa antica opera d’arte, da pesci, uccelli, scimmie, camelidi e umanoidi. Sono stati costruiti rimuovendo le rocce, lasciando un’immagine negativa sulla sabbia bianca. Il pezzo più lungo identificato è più grande della Statua della Libertà, misura oltre 100 metri da un capo all’altro, e il più piccolo è di cinque metri – all’incirca le stesse dimensioni del David di Michelangelo.

I ricercatori hanno diviso i geoglifi in due categorie in base a dimensioni, età e design. Il primo gruppo (tipo A) sono disegni al tratto e tendono ad essere più grandi, misurando 50 metri o più. Il secondo gruppo (tipo B) è costituito da superfici a tinta unita di 50 metri o meno.

Il team presume che questi due tipi abbiano scopi diversi. Il tipo A era stato creato, ad esempio, per i rituali cerimoniali e il tipo B era per la decorazione. Questi ultimi sono stati trovati in prossimità di sentieri o pendii, suggerendo che potrebbero aver attraversato punti per aiutare i viaggiatori.

Questo studio ha esplorato la fattibilità del potenziale dell’intelligenza artificiale per scoprire nuove linee e ha introdotto la capacità di elaborare grandi volumi di dati con questa tecnologia, comprese le foto aeree ad alta risoluzione ad alta risoluzione. Questi sono i primi geoglifi scoperti dall’intelligenza artificiale a Nazca.

 

Disegni della Storia

La maggior parte di questi misteriosi geoglifi sono stati creati dal popolo di Nazca, che visse in quella zona dal 200 al 700 anni d.C., così come altri progetti già noti nella regione. Tuttavia, alcuni dei geoglifi sono più vecchi di secoli. I ricercatori ritengono che siano stati realizzati da persone provenienti da Paracas e Topará, che vivevano in quella zona tra il 500 a.C. e il 200 a.C.

Queste opere sono conosciute come linee di Nazca perché di solito assomigliano a linee quando le si guarda sul suolo. Dobbiamo guardarle dall’alto per essere in grado di discernere gli schemi. In effetti, questo è il motivo per cui questa arte ha iniziato a essere compresa solo dopo l’invenzione degli aeroplani.

Questi disegni giganti sono stati creati eliminando lo strato superiore di pietre rosse del deserto in modo da poter rivelare uno strato più chiaro. È questo contrasto di toni che consente la lettura della figura. Alcuni geoglifi sono forme geometriche, altri sono linee semplici e le più elaborate sono rappresentazioni di animali e oggetti.

Sakai e altri ricercatori dell’Università di Yamagata hanno intrapreso iniziative per studiare le Linee di Nazca, patrimonio mondiale dell’UNESCO, dal 2004. Oltre a identificare molti geoglifi, intraprendono anche attività per preservare il patrimonio.

Tuttavia, resta ancora molto da fare per studiare la distribuzione dei geoglifi. L’espansione delle aree urbane ha causato danni alle linee, attirando l’attenzione sulla protezione delle linee di Nazca come problema sociale.