uccello-nero-chernobyl

Tutti ricordano il disastro nucleare di Chernobyl. La città fu costretta a lasciare la propria vita alle spalle per lasciarsi travolgere dalla frenesia di sfuggire all’ambiente dannoso che chiamavano casa. A partire dai primi di aprile del 1986, le persone nella zona iniziarono a sperimentare una serie di strani avvistamenti di un uomo grande, scuro e senza testa con ali giganti e occhi rossi fiammeggianti. Gli avvistamenti sono stati seguiti da incubi inquietanti, minacciose telefonate e incontri con la stessa bestia diabolica.

Il Mothman è stato avvistato in molte aree del mondo. Spesso un evento catastrofico ha seguito questi avvistamenti. Alla fine di aprile del 1986, il piano nucleare subì un’esplosione catastrofica di vapore. È interessante notare che questo tragico evento ha colpito direttamente dopo l’avvistamento della bestia alata, quasi come se la creatura fosse un presagio di ciò che stava per accadere. Quando arrivarono le squadre di emergenza, molti riferirono di aver visto una grande figura alata scura che si alzava sopra le fiamme. Oltre 500 testimoni si sono fatti avanti nel corso degli anni per condividere ciò che avevano scena.

 

Un presagio di morte… per alcuni!

Il Mothman è noto per essere un presagio di morte e disastro. Uno dei suoi avvistamenti più noti si è verificato nella vecchia Ordinanza della Virginia dell’Ovest in una zona conosciuta come “Area TNT”. La struttura fu utilizzata durante la Prima Guerra Mondiale per produrre munizioni e dinamite. Principalmente una vasta area boschiva, conteneva anche grandi trincee di cemento costruite nelle montagne, che contenevano TNT. Gran parte dell’area era costituita da tunnel sotterranei con labirinto con carichi casuali di polvere da sparo. Inutile dire che questo posto era una distruzione in attesa di altra distruzione. L’area fu abbandonata dopo la guerra con tutto il suo contenuto, diventando un disastro ambientale nel 1983. Molti avvistamenti hanno fatto notizia nell’area circostante la base del TNT suscitando una reputazione inquietante. Nel 2010, i rifugi sotterranei che ospitavano i 20.000 chili di materiali esplosero improvvisamente.

Alcuni credono che il Mothman sia un angelo che avverta i vivi di qualcosa di negativo. Altri credono che sia un demone o una maledizione. Forse non lo sapremo mai con certezza, ma una cosa è sicura. Occhi diabolici rossi e luminosi e ali nere gigantesche che si librano su una fiammata di fuoco incontrollabile sono stati avvistati da più persone. Si può dunque parlare di isteria collettiva?